BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Curiosità

TYRANNY BOOK / Il Facebook per monitorare i tiranni. Dove al posto degli “amici” trovi gli “alleati”

Un Facebook per i tiranni. O, meglio, un Facebook per monitorare i tiranni. Si tratta di Tyrannybook, ed è un social network, in tutto simile all’originale

TYRANNYBOOKr375.jpg(Foto)

I - Un Facebook per i tiranni. O, meglio, un Facebook per monitorare i tiranni. Si tratta di Tyrannybook, ed è un social network, in tutto simile all’originale, a parte lo sfondo che invece che blu è rosso, ideato da Amnesty International e dalla Pr Leo Burnett per la difesa dei diritti umani. Il principio di Tyrannybook è semplice: attraverso uno strumento di social network, creare un circolo di informazioni e di condivisione su tutto quello che riguarda le più efferate dittature. In modo da instillare la consapevolezza di quanto accadde nei paesi in cui vige l’assenza dei diritti umani fondamentali.


Leggi anche: ARCHEOLOGIA/ Quando gli esperti fanno flop: falsi storici e bufale, ecco le dieci più eclatanti

Tyrannybook è nato da un’idea di Amnistia Internacional, la filiale portoghese di Amnesty International, e l’agenzia Pr Leo Burnett. Il funzionamento è in tutto analogo a quello di Facebook. Invece degli “amici”, però, ci sono “alleati”: persone che vogliono “vigilare” e condividere informazioni sui dittatori. I tiranni, invece, al posto dei fan hanno dei watchers o dei vigilantes. Questi possono integrare la scheda dei tiranni, accessibile nel menù superiore, o fornire notizie recenti. Una volta che si è registrati a Tyrannybook è possibile accedere alla propria bacheca e aggiornarsi sulle ultime violazioni dei diritti umani. E’ possibile fare commenti, usare strumenti come “mi piace”, o condividere contenuti con altri social network come Facebook o Twitter.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO