BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISASTRI AEREI/ Chi è scampato alla morte: storie di sopravvissuti tra bombe, cadute da 10mila metri e rockstar salve per miracolo

Pubblicazione:

Travis Barker  Travis Barker

 

JAPAN AIRLINES 123 – E’ il più grave incidente aereo nella storia che abbia coinvolto un unico velivolo. Il 12 agosto 1985 muoiono 520 persone precipitando sul monte Takamagahara. La rottura della coda danneggia integralmente l’impianto idraulico. La depressurizzazione improvvisa è esplosiva: gli stabilizzatori verticali e altre appendici aerodinamiche si staccano e finiscono in mare. L'aereo è di fatto ingovernabile, cominciando a variare quota repentinamente. I piloti tentano di controllare l'aereo con il solo ausilio dei motori, poi la picchiata e lo schianto contro le montagne. Quattordici ore dopo Keiko Kawakami, 12 anni, è trovata dai soccorritori a cavalcioni del ramo di un albero. E, cosa incredibile, ha solo dei graffi. Sopravvivono anche Hiroko Yoshizaki, 34 anni, e la figlia Mikiko, 8 anni. Alla notizia dei superstiti i parenti dei dispersi, disobbedendo alla polizia, si lanciano a scalare le montagne, arrampicandosi a mani nude, nella speranza di trovare altre persone vive.

 

SUPERSTITI CANNIBALI – Il 13 ottobre 1972 un Fairchild F-227 dell’aviazione uruguayana, con rotta per Santiago del Cile, precipita sulle Ande. A bordo ci sono 45 persone. Diciotto muoiono subito, nell’impatto che spezza in due la fusoliera. Altri 11 perdono la vita pochi giorni dopo per il freddo, 40° sotto zero. Sopravvivono in 16, cibandosi della carne dei compagni per non morire di stenti. Su di loro è stato girato anche un film, “Alive – Sopravvissuti”. Il più giovane, Carlos Paes, ricorda oggi: “Nutrirci delle vittime del disastro era la nostra unica possibilità di sopravvivere, e tutto ciò che noi volevamo era sopravvivere, sopravvivere a qualsiasi costo”.

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI SOPRAVVISSUTI AI DISASTRI



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >