BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GUIDA ANTI-PESTICIDI/ (Video) Frutta e verdura, attenti alla «sporca dozzina» che manda in tilt il sistema endocrino

Pubblicazione:

pesticidi-r375.jpg

 

UVA KILLER - E a conferma del fatto che gli stessi rischi riguardano sempre di più anche i consumatori italiani, Legambiente ha appena pubblicato un rapporto da cui emerge che nel giro di un anno i prodotti contaminati da pesticidi sono passati da oltre uno su quattro a quasi uno su tre, cioè per l’esattezza dal 27,5% al 32,7%. Mentre frutta e verdura in commercio supererebbero le concentrazioni previste dalla legge nell’1,5% dei casi, contro l’1,2% di un anno fa. Tra le verdure in particolare il 76,4% dei campioni risulta essere senza residui, contro l’82,9% del 2009, mente l’1,3% è considerato «fuori legge». Unico miglioramento quello registrato dalla frutta, con i campioni irregolari che scendono dal 2,3% di un anno fa all’attuale 1,2%. Per quanto riguarda i prodotti derivati, come ad esempio pane, vino e miele, la percentuale degli alimenti con un solo residuo, ma nei limiti di legge, scende dall’80,5% del 2009 all’attuale 77,7%, mentre quelli irregolari raggiungono il 2,7%, contro lo 0% di un anno fa. Tra i casi record citati nel rapporto, un’uva bianca siciliana con nove diversi residui di pesticidi, un vino friulano con sei agenti chimici e una pera campana con cinque residui.

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI PESTICIDI NELLA FRUTTA



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >