BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SALUTE/ Dodici campanelli d’allarme per prevenire diabete, infarto e tumore

Pubblicazione:

Medico_di_famigliaR375_23ago09.jpg

 

C’è chi non vuole andare mai dal medico, perché ritiene che dopo una visita specialistica o in ospedale anche le persone più sane «diventino» malate. E chi, invece, al primo dolorino pensa subito di avere chissà quale malattia. E se è inutile intasare ambulatori e pronto soccorso senza motivo, le probabilità di curare un disturbo serio aumenta esponenzialmente se la diagnosi è fatta in modo tempestivo. Ecco quindi 12 campanelli d’allarme da non trascurare, e in presenza dei quali occorre passare a farsi un «tagliando» prima che sia troppo tardi. A suggerirli è il dottor Chris Steele, famoso in Inghilterra per le sue apparizioni in tv.

 

LA TESTA CHE SCOPPIA – Il mal di testa persistente può essere causato dalla dilatazione dei vasi sanguigni intra-cranici, dalla compressione dei nervi del cervello, dall’infiammazione delle meningi. Il disturbo vasomotorio in particolare è tipico dell’emicrania e della cefalea a grappolo, due forme di mal di testa che hanno in comune il meccanismo che fa scaturire il dolore. In entrambi i casi l’insorgenza ha origine vascolare e dipende da contrazione e dilatazione dei vasi sanguigni cerebrali.

 

SETE DA CAMMELLO – La sete eccessiva è uno dei sintomi dei diabete mellito (oltre che del meno comune diabete insipido). Il diabete mellito è una malattia cronica, spesso su base ereditaria, caratterizzata da valori di glicemia aumentati. Mentre il diabete insipido è caratterizzato dall’incapacità dei reni di regolare la quantità di urina prodotta, con la conseguenza che il paziente espelle tutta l’acqua ingerita e rischia la disidratazione.

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI 12 CAMPANELLI D'ALLARME DELLA SALUTE



  PAG. SUCC. >