BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BOMBE BATTERICHE/ Volto sfigurato, danni all'apparato riproduttivo e cecità infantile: le malattie provocate da cellulari e computer

Pubblicazione:

dirtykeyboard.jpg

 

Non vi resta che abbassare gli occhi, perché ce l’avete proprio sotto il naso: è la tastiera del vostro computer. Uno strumento cinque volte più infettivo della tavoletta del water. Con il risultato che molte persone che usano il computer rischiano di ammalarsi per i germi che finiscono nello stomaco, come rivela l’associazione di consumatori britannica «Which?». La «pancia di Qwerty», come è stata soprannominata la tastiera dalle prime sei lettere in alto a sinistra, potrebbe essere utilizzata per pulire i pavimenti dei luoghi di lavoro.

 

I test sugli strumenti di uso comune negli uffici di Londra hanno infatti dato risultati allarmanti. E come riferisce il Daily Mail, una tastiera era così sporca che un microbiologo ha ordinato di rimuoverla, metterla in quarantena e pulirla. Conteneva infatti 150 volte i limiti accettabili di batteri ed era cinque volte più lurida della tavoletta del water. Ma la cosa peggiore è che è sempre più diffusa l’abitudine di mangiare un sandwich o un frutto con una mano, mentre con l’altra si lavora al computer. Non c’è niente di peggio, perché le due azioni combinate possono metterci lo stomaco sottosopra per tutta la giornata.

 

Gli scienziati hanno analizzato 33 tastiere in cerca di germi in grado di avvelenare gli alimenti come l’Escherichia coli, coliformi, stafilococco aureo ed enterobatteri e hanno confrontato i risultati con le concentrazioni della tavoletta del water e della maniglia di una porta della toilette. Quattro tastiere erano considerate un pericolo potenziale per la salute e una è stata «condannata». Due avevano «livelli allarmanti» di stafilococco aureo e due livelli «molto preoccupanti» di coliformi ed enterobatteri, «mettendo chi li usava a grave rischio di ammalarsi in seguito al contatto».

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.