BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE TAIWAN/ Video - La giornalista ingoia la mosca durante il tg. “Scacciarla non sarebbe stato professionale"

Pubblicazione:

giornalista-ingoia-moscaR375.jpg

LA GIORNALISTA CHE INGOIA UNA MOSCA - Una giornalista di Taiwan ha ingoiato una mosca mentre stava presentando il tg perché scacciarla, secondo lei, avrebbe rappresentato una mancanza di serietà nei confronti dei telespettatori.

 

Il video della sua bizzarra iniziativa sta spopolando tra gli utenti di Youtube. Una giovane giornalista di Taiwan stava presentando il tg, quando è accaduto l’imprevisto: una mosca le si posa sulle labbra, per poi entrarle in bocca. Al che, la giornalista prende rapidamente l’unica decisione che, in quel momento, le sembrava opportuna. La ingoia. Continuando a condurre come niente fosse. Ma non ce la fa. Ad un certo punto si sente male e viene sostituita. Niente di grave, fortunatamente. Solo un crollo nervoso, causato dalla tensione di quel momento: milioni di persone, probabilmente, la stavano guardando, e lei doveva togliersi dall’impaccio dell’insetto senza ostacolare la conduzione del tg. La giornalista, infatti, ha dichiarato che aveva solo un’altra scelta. Scacciare la mosca con la mano. Questo, proprio, non si è sentita di farlo. Una dedizione totale al lavoro. Forsennata, forse. Che, tuttavia, non ha avuto conseguenze. Al termine del tg, infatti, è apparsa in splendida forma in collegamento dall’ospedale, dove ha scherzato sull’aspetto positivo della vicenda, sul fatto, cioè, che il direttore le ha concesso qualche giorno di ferie per riprendersi.

 

Leggi anche: GOOGLE/ Cercate "2204355" con “Mi sento fortunato”. E, all'improvviso…

 

Leggi anche: VACANZE/ Frigorifero o congelatore? Ecco come conservare i cibi prima di partire per il mare

 


CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE DELLA GIORNALISTA DI TAIWAN CHE INGOIA LA MOSCA DURANTE IL TG



  PAG. SUCC. >