BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MISTERO BP/ (Video) La chiazza di petrolio si è volatilizzata. Gli scienziati: E’ stata mangiata dai batteri spazzini

Pubblicazione:

piattaforma-petrolifera-esplosaR375.jpg
<< Prima pagina

 

DOV’E’ FINITO IL PETROLIO? - E quindi dov’è finito il petrolio? «In parte è evaporato - spiega Edward Bouwer, professore di ingegneria ambientale alla John Hopkins University -. E questo vale soprattutto per le componenti più tossiche del combustibile, che tendono a essere particolarmente volatili». Jeffrey W. Short, uno scienziato dell’associazione ambientalista Oceana, ha dichiarato al New York Times che il 40% del petrolio potrebbe essere evaporato dopo aver raggiunto la superficie. E i forti venti di due recenti tempeste potrebbero avere accelerato il processo.

 

Ma in realtà la causa principale della scomparsa del petrolio sarebbero alcuni microbi che lo avrebbero letteralmente mangiato. I microbi abbattono gli idrocarburi dispersi nelle acque, utilizzandoli per crescere e riprodursi. Con il risultato che basta una goccia di petrolio nel mare perché la popolazione dei batteri cresca esponenzialmente in quel punto. «Di solito ci sono abbastanza microbi nell’oceano da consumare metà di tutto il petrolio fuoriuscito in un mese o due», afferma Howarth. Questi microbi sono stati trovati in tutti gli oceani del mondo in cui sono stati condotti i test, dall’Artico all’Antartico.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI BATTERI SPAZZINI



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >