BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PERSONAGGIO DA ROMANZO/ Il Gobbo di Notre Dame è esistito realmente: Hugo lo incontrò nel 1820 e decise di ispirarsi a lui

Pubblicazione:

Gobbo375.jpg

Il Gobbo di Notre-Dame è esistito realmente. Nel suo romanzo, «Notre-Dame de Paris», lo scrittore francese Victor Hugo si è ispirato a un personaggio reale per descrivere la figura di Quasimodo. E ora si è scoperto chi è. Si tratta di uno scultore-capo - naturalmente gobbo - impiegato nei lavori di restauro della cattedrale parigina svolti a inizio Ottocento e soprannominato dai suoi uomini Le Bossu. Lo sostengono gli esperti della Tate, galleria inglese d’arte moderna, dopo avere studiato i manoscritti di Henry Sibson (1795-1870), scalpellino inglese che lavorò in Francia su appalti commissionati dal governo. Il diario, diviso in sette volumi e scritto a mano, è stato comprato dalla Tate nel 1999 e da oggi sarà esposto al pubblico nella Hyman Kreitman Reading Room della Tate Britain. 

 

UN PERSONAGGIO SCHIVO E ORIGINALE - Dopo aver litigato con i capimastri del cantiere di Notre-Dame, Sibson si trova senza lavoro e decide di rivolgersi alle «botteghe» che si occupavano delle statue più grandi su commissione del governo francese. «Qui - rivela - trovai Trajan, una delle persone più gentili che abbia mai incontrato. Lavorava come incisore per lo scultore-capo, il cui nome non mi ricordo. Era gobbo e non amava mischiarsi con gli incisori: gli scalpellini gli avevano dato il soprannome di Le Bossu». Alla fine Sibson è assunto nella sua equipe e si reca nella cittadina di Dreux.


 

CLICCA QUI O >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE DEL VERO SERIAL KILLER DELLA SAGA HORROR NON APRITE QUELLA PORTA  



  PAG. SUCC. >