BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SINDROME MISTERIOSA/ Donna inglese si addormenta col mal di testa, e al mattino parla con accento francese

Pubblicazione:

russell-kay-r375.jpg

GRAZIE ALL’INCIDENTE HA IMPARATO L’INGLESE - Come spiega Michael Paradis, neurolinguista alla McGill University di Montreal, in una condizione chiamata afasia bilingue, le persone spesso perdono una delle loro due lingue perché a ciascuna di esse sono associate diverse parti del cervello. E anche se una lesione cerebrale ha danneggiato la memoria della lingua madre della teenager croata, le aree del cervello che stavano imparando il tedesco potrebbero essere rimaste intatte. «E’ accaduto migliaia di volte», ha sottolineato Paradis. Un caso analogo per esempio si era verificato nel settembre 2007, quando il 18enne ceco Matej Kus, dopo un incidente in autostrada, è rimasto privo di conoscenza per circa 45 minuti, e quando si è risvegliato si è messo a parlare fluentemente in inglese con i paramedici arrivati per rianimarlo. Il teenager aveva da poco iniziato a studiare l’inglese e i suoi amici e insegnanti descrivono le sue precedenti abilità nella lingua come «non superiori a un livello base».
 

(Paolo Nessi e Pietro Vernizzi)
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
21/09/2010 - i casi sono due (Antonio Servadio)

piccole notizie, molto molto strane, ma per nulla irrilevanti. A meno che siano tutte fandonie (è da capire meglio se sia così). Solitamente vengono amabilmente relegate nell'angolo delle curiosità proprio perché inspiegabili. Invece, proprio perché inspiegabili, andrebbero raccolte sistematicamente, comparate, esplorate, discusse. I casi sono fondamentalmente due. Forse in noi tutti esiste -intrinsecamente iscritto come un codice genetico- un sapere linguistico universale che resta sconosciuto alla nostra coscienza. In tale ipotesi, l'apprendimento di una lingua "madre" consisterebbe nella progressiva sintonizzazione su uno dei "canali" di comunicazione, quello dei genitori, uno tra i vari possibili, che si rafforza e si sviluppa con la scolarità. In alcuni traumi avverrebbe forse una ri-sintonizzazione patologica, e improvvisa, su un canale "sbagliato". Il problema è che di lingue ne esistono a centinaia. Teniamo presenti anche quelle cosiddette "morte" (latino, greco antico, sanscrito...), da confrontare con quelle attuali, che non esistevano ai tempi di quelle morte. Se non si tratta di fandonie, come accade che qualcuno improvvisamente parla una lingua moderna mai studiata mentre altri sono trovati a parlare antiche lingue "morte" ?. Dunque, se scartassimo questo genere di interpretazione, di che altro si può trattare ?