BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DEATH VALLEY/ Il mistero delle pietre «titaniche» da 100 chili che si muovono da sole. Effetto degli ufo o di venti fortissimi?

Pubblicazione:

pietrerotolantiR375.jpg

GHIACCIO E FORTI VENTI - E aggiunge Byrne: «Una delle principali teorie sulla causa del movimento delle rocce è che la crescita dell’acqua da sotto la superficie della sabbia sia sospinta dal vento creando una superficie sulla quale le rocce si possono muovere». La Death Valley è il punto più basso degli Stati Uniti, a 101 metri sotto il livello del mare. E’ quasi completamente piatta e detiene il record per la seconda temperatura più elevata registrata sulla terra, ben 58 gradi. Negli anni Novanta uno studio di un team di scienziati condotto dal professor John Reid, dell’Hapshire College, nel Massachusetts, ha tentato di spiegare il movimento delle rocce. Il suo studio aveva concluso che le rocce potrebbero essere mosse in quanto incastonate in fogli di ghiaccio che si formano di notte sulla superficie della sabbia. Quando la sabbia si scioglie, il professor Reid ha dichiarato che le rocce sono spostate dal Ghiaccio e dal vento formando gli incredibili sentieri.

 


LA NASA: DEATH VALLEY COME TITANO
- Come spiega sul sito della Nasa l’esploratore Brian Jackson, «ciò che sta accadendo nella Death Valley è sottile e complicato. E non è scontato quali dei dati raccolti nei nostri viaggi saranno importanti per le ricerche». Jackson, insieme ad alcuni colleghi, sta studiando le pietre mobili dal 2006 e di recente ha pubblicato una ricerca che compara il sito a un lago prosciugato su Titano, satellite di Saturno. La prima ipotesi è stata che le pietre della Death Valley avessero proprietà che consentivano loro di muoversi. Ma le pietre sono solo massi dolomitici scuri precipitati giù dalle altre montagne circostanti.

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA QUI O >> QUI SOTTO 

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
23/09/2010 - uffa con questi ufo (Antonio Servadio)

ma è mai possibile che qualsiasi cosa sia poco chiara o ignota venga etichettata come UFO (Unidentified Flying Object) e simili ? Facciamo questo esercizio, immaginiamo di tornare indietro di qualche secolo. Un ipotetico cronista di oggi potrebbe pensare in termini di UFO o di esoterismo per fenomeni elettromagnetici della più varia natura.