BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RACCONTI PER L’INFANZIA/ Violenza, magia nera e scene scabrose: chi lo ha detto che le fiabe sono adatte ai bambini?

Pubblicazione:

sirenetta-r375.jpg



FIABE E RITI D’INIZIAZIONE -
Significativa anche l’interpretazione dell’antropologo russo Vladimir Propp, secondo cui le fiabe popolari, soprattutto quelle di magia, sarebbero il ricordo di un’antica cerimonia chiamata rito d'iniziazione, celebrata nelle comunità primitive. Durante questo rito era festeggiato in modo solenne il passaggio dei ragazzi dall'infanzia all'età adulta. Essi venivano sottoposti a numerose prove con le quali dovevano dimostrare di saper affrontare da soli le avversità dell'ambiente e di essere maturi per iniziare a far parte della comunità degli adulti.

Dopo le prove, i ragazzi e le ragazze, come in una rappresentazione teatrale guidata spesso da uno stregone, dovevano «morire» per celebrare la morte dell’infanzia. Questa loro morte temporanea per Propp veniva di solito simulata attraverso la magia e al risveglio i giovani erano considerati adulti.


(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/09/2010 - misplaced (Antonio Servadio)

molto interessante, perché lo avete pubblicato nella sezione "curiosità" ? Trasferitelo in Educazione, o in Cultura !