BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALIENI/ Mistero in Argentina: serbatoi enormi svuotati in una notte

Pubblicazione:

australian-water-tank-r400.jpg

Una delle anomalie più inspiegabili in Argentina – collegate al fenomeno delle mutilazioni del bestiame – è il misterioso svuotamento da un giorno all’altro di enormi recipienti d’acqua, noti come «Serbatoi australiani».


SERBATOIO PROSCIUGATO - L’acqua è prosciugata anche in altri contenitori, tra cui laghetti e piscine. Il blog «Inexplicata – Giornale di Ufologia ispanica» riporta la testimonianza di Luis Burgos della Fao, Fondazione Argentina di Ufologia. «Stavo pranzando con un cugino che possiede un campo nelle vicinanze delle saline “La Vidriera”. Mentre si trovava con noi, mio cugino aveva lasciato un altro parente da solo nel campo con il compito di badare agli animali. Non appena abbiamo finito di mangiare, il guardiano ha telefonato a mio cugino in uno stato semiconfusionale. Il giorno precedente aveva riempito il serbatoio d’acqua e spento il mulino a vento perché il recipiente era pieno. La sua capacità è di circa 60mila litri d’acqua. Ma la mattina dopo non ne era rimasta una sola goccia. E non c’erano pozzanghere o perdite attorno al serbatoio, e neppure crepe sul suo fondo».
 

NON E’ STATO UN ANIMALE - Inoltre sopra il serbatoio c’era un tappo spesso 15 centimetri, e l’ultima volta che l’hanno svuotato c’era voluta più di mezza giornata. E aggiunge Burgos: «In quel momento la temperatura aveva superato i 36 gradi, e ho quindi rimandato ulteriori ricerche alla mattina seguente. Ma nel frattempo gli altri parenti avevano riempito il serbatoio, perché gli animali erano rimasti senza acqua potabile. Quindi non ho più voluto recarmi là di persona. Questa è la seconda volta che si è verificato un fatto del genere. La prima era stata circa 15 anni fa. Un’altra informazione che ho dimenticato di menzionare è che non c’era nessun animale mancante, si trovavano tutti nelle stalle. Resta da accertare invece se a qualcuno dei vicini sia fuggito qualche capo di bestiame».
 



  PAG. SUCC. >