BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STATUA GIGANTESCA/ (Video) Volto di un capotribù indiano scolpito nella montagna

Pubblicazione:

crazy-horse-memorial-r400.jpg

 

 

EROE INDIANO - Nel 1939 lo scultore aveva ricevuto una lettera da Henry Orso in Piedi, che dichiarava: «Gradiremmo che l’uomo bianco sapesse che anche il pellerossa ha dei grandi eroi». Orso in Piedi e Ziolkowski hanno esplorato insieme i potenziali luoghi per il monumento. L’artista voleva scavare il memoriale nelle Wyoming Tetons, le cui rocce sono più adatte per essere scolpite, ma i leader Sioux hanno insistito sul fatto che fossero scavate nelle sacre Black Hills del South Dakota. Il memoriale è un’impresa non profit, e non riceve né fondi federali né statali. A Ziolkowski in due occasioni sono stati offerti 10 milioni di dollari dal governo Usa, ma lo scultore non ha voluto accettarli.
 

UNIVERSITA’ SOTTO LA MONTAGNA - Sentiva infatti che il suo progetto era molto di più di uno scavare la montagna, e temeva che le sue finalità educative e culturali per il memoriale sarebbero state trascurate con il coinvolgimento del governo federale. Ziolkowski è morto nel 1982. L’intero complesso è di proprietà della Crazy Horse Memorial Foundation. E la moglie dello scultore, Ruth, insieme ai suoi dieci figli, continua a essere strettamente coinvolta nella realizzazione dell’opera d’arte, che non ha ancora una data entro cui si prevede che sia terminata. Il volto di Cavallo Pazzo invece è stato completato e dedicato nel 1998. La statua gigantesca intende essere l’icona di un enorme centro culturale ed educativo, che includerà l’Università e il Centro di formazione medico per gli Indiani del Nord America e il Museo indiano del Nord America.
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >