BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

USA/ Donna accusata di contrabbando per un ovetto Kinder

Pubblicazione:

ovetto-kinder-r400.jpg

 

 

BIGLIE E PALLONCINI - Negli Usa sono quindi vietati palloncini, sfere, biglie e altri prodotti che non sono conformi ai regolamenti della Commissione. Nel gennaio 2008 anche l’Unione europea ha introdotto nuove regole contro i giocattoli pericolosi, vietando sorpresine killer e vernici tossiche. Ma salvando, al contrario di quanto ha fatto la Commissione americana, gli ovetti Kinder. Le norme Ue prevedono infatti che le sorpresine possano essere inserite all’interno di patatine, cereali e uova di Pasqua solo se impacchettate separatamente dall’alimento, con una confezione di forma e dimensioni tali da rendere impossibile la sua ingestione, così da azzerare il rischio di strozzarsi o soffocare. L’Ue ha consentito quindi la vendita degli ovetti Kinder, le cui sorprese sono contenute in un involucro protetto.
 

GRUPPO SU FACEBOOK - Ilsussidiario.net ha parlato con un responsabile della Ferrero, che ha fatto sapere che dal 1972 a oggi in Italia si è verificato un solo caso di bambino  che ha avuto problemi da una sorpresina senza alcuna particolare conseguenza. E come sottolinea sempre la Ferrero, sulle istruzioni secondo la normativa legale italiana è indicato chiaramente che i giocattoli non sono adatti ai bambini sotto una certa età. Se le istruzioni non sono rispettate, la responsabilità ricade sui genitori. Fatto sta che su Facebook è stato aperto un gruppo in cui si chiede alla Kinder di non modificare i suoi classici ovetti gialli. Il gruppo si intitola «Rivogliamo il vecchio ovetto Kinder che si spara». Per ora, infine, il più grave fatto di cronaca mai avvenuto in Italia, e che ha riguardato gli ovetti Kinder, si è verificato nel 2005, quando Unabomber ne ha utilizzati alcuni per nascondervi dell’esplosivo, lasciandoli quindi vicino a una scuola di Treviso dove sono deflagrati rischiando di ferire gli alunni.
 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.