BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BIG ONE/ A distruggere la California non sarà un terremoto ma una supertempesta

Pubblicazione:

La California rischia di finire sott'acqua  La California rischia di finire sott'acqua
<< Prima pagina

 

 

DA VALLE A MARE - Marcia K. Mcnutt, direttore del rilevamento geologico, sottolinea che 150 anni fa, per alcune settimane nel 1861-1862, è caduta abbastanza pioggia da inondare un tratto della Central Valley lungo 300 miglia e largo 20, da Sacramento a nord a Bakersfield a sud, vicino al deserto orientale. Le tempeste sono durate 45 giorni, creando laghi in parti del Mojave Desert e, secondo un rapporto, «trasformando la valle di Sacramento in un mare interno». Al punto da costringere le autorità a trasferire la capitale dello Stato da Sacramento a san Francisco per un certo periodo di tempo. Mentre il governatore Leland Stanford, il giorno del suo insediamento, si presentò nel palazzo del governo in barca a remi. E proprio come un terremoto di grandi proporzioni, una supertempesta potrebbe essere un grave colpo all’agricoltura dello Stato e al sistema di acqua potabile che ora devia l’acqua dal nord al sud della California.
 

FIUMI ATMOSFERICI - La dottoressa Jones ha dichiarato in un’intervista che il perfezionamento delle immagini via satellite hanno consentito agli scienziati di identificare chiaramente i cosiddetti «fiumi atmosferici», correnti d’aria molto umide larghe oltre 200 miglia e lunghe 2mila, che scorrono dalle regioni tropicali dell’Oceano Pacifico alla West Coast americana. E i Pineapple Express, correnti d’aria che d’inverno portano umidità dalle isole hawaiane alla California, sono solo un modesto sottoinsieme di questi fiumi, ha aggiunto la dottoressa Jones. Le iniziali delle parole inglesi che significano fiume atmosferico, cioè AR (atmospheric river), hanno dato il nome alla supertempesta, ribattezzata Arkstorms.
 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.