BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SALUTE/ Attenti alle bottiglie di plastica: contengono sostanze dannose per i bimbi

Pubblicazione:

Controlli nei supermercati  Controlli nei supermercati

MONOMERI CANCEROGENI - Il cloruro di vinile monomero, cioè la sostanza a molecole di dimensioni più piccole, che concatenate l’una all’altra danno poi il polimero, è una sostanza veramente pericolosa. Quella forma strana e tremenda di cancro che si diffuse tra gli operai di Porto Marghera qualche decennio fa era dovuto proprio all’esposizione al cloruro di vinile monomero». Per il professore di Chimica quindi, «se nel polimero resta una certa quantità di monomero può venire rilasciato. Ovviamente a provocare l’intossicazione non è una singola bottiglia di acqua minerale, ma un’esposizione per una decina di anni che provoca una forma di accumulo. Un altro rischio è quello legato ai cosiddetti plastificanti: per rendere il Pvc morbido, con una consistenza un po’ simile alla gomma e lucido, possono essere aggiunti degli additivi essere addizionato di plastificanti che sono stati prima messi sotto osservazione. In Italia il loro utilizzo è stato però proibito».


BANDITO DALL’UE - E aggiunge Fochi: «Il Bisfenolo A non è presente nelle bottiglie in Pet, né negli altri oggetti in polietilene (Pe) o in polietilene ad alta densità (Hdpe, in inglese High density polyethylene). Inoltre, il Bisfenolo A è stato bandito dalle norme dell’Unione europea, recepite dall’Italia, relative ai prodotti per l’infanzia. Mentre al contrario ne è consentito l’utilizzo dalle leggi di Svizzera e Stati Uniti». E come conferma Fochi, il Bisfenolo A comporta dei rischi per lo sviluppo con possibili conseguenze ormonali, che possono compromettere la crescita di bambini e adolescenti che sono esposti per lunghi periodi a queste sostanze».
 

(Pietro Vernizzi)

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
16/02/2011 - PET e imbottigliamento acqua minerale (Mineracqua Federazione)

Il bisfenolo A è documentatamente presente in plastiche tipo Policarbonato, che non vengono utilizzate per l'imbottigliamento dell'acqua minerale. La plastica utilizzata dall'industria dell'acqua minerale da ormai 15 anni è esclusivamente PET. Questo polimero è stato studiato per 18 anni e, come detto, da 15 è utilizzato per le sue grandi doti di impermeabilità, trasparenza, sicurezza.