BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CINA/ Funzionario fannullone prende 8 anni di stipendio senza lavorare un giorno

Pubblicazione:

La provincia di Fujian in Cina  La provincia di Fujian in Cina
<< Prima pagina

«RAGIONI UMANITARIE» - «Abbiamo contattato Jiang chiedendogli di ritornare al dipartimento il più presto possibile, ma lui si è rifiutato», ha rivelato Zheng Lixin, capo dell’ufficio delle costruzioni di Longyan che sovrintende il dipartimento di Jiang. Aggiungendo che «se continuerà a farlo, prenderemo i provvedimenti necessari ad affrontare questo caso in linea con gli appositi regolamenti». Ma Jiang avrebbe replicato che non intendeva tornare in ufficio fino a quando non fosse stata cancellata la sua sospensione e non fosse stato reintegrato nella sua posizione originale. Zheng ha dichiarato a China Daily che durante la sua assenza Jiang poteva ricevere solo uno stipendio base, e che il fatto di continuare a pagarlo era motivato in parte da ragioni umanitarie, ma anche dal fatto che il funzionario aveva raccomandazioni altolocate. Alla fine è tornato al lavoro, ma non ha ottenuto una buona accoglienza. «Sembrava che tutti i miei colleghi mi evitassero come se fossi una specie di extraterrestre», si è lamentato il funzionario fannullone.


STIPENDIO TRIPLICATO - Jiang ha ammesso che il suo stipendio è stato incrementato da 800 yuan (89,27 euro) al mese nel 2003 a 2.600 yuan (290,14 euro) nel 2011. Triplicando quindi i compensi percepiti nell’arco di otto anni. E se in euro può sembrare una cifra molto modesta, occorre tenere conto del fatto che il costo della vita, e di conseguenza gli stipendi, in Cina sono molto differenti rispetto all’Europa. Un minatore nel Paese asiatico prende in media 1.291 yuan (meno della metà dello stipendio di Jiang nel 2011) e un meccanico solo 1.082 yuan. La mancanza di trasparenza nel sistema dei libri paga di alcuni dipartimenti dell’amministrazione pubblica è stata criticata a lungo per una serie di errori di pagamento avvenuti in tutto il Paese.
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >