BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OK/ La parola più famosa del mondo? Non si sa neppure cosa significhi

Pubblicazione:

Lo sdoganamento dell'ok  Lo sdoganamento dell'ok

 Ma come sei bello, ok - Di recente la Bbc ha persino dedicato un lungo servizio a giustificare l’affermazione internazionale della particella: «Ha un aspetto strano. È una parola che suona come un’abbreviazione, un acronimo. Ma la sua stranezza potrebbe essere la giustificazione per la sua popolarità. Visivamente, ok mette accando la rotondità della “o” con le linee dritte della “k”».

Eh sì, dev’esser proprio questa la ragione del successo. Rimane il dato di fatto che da espressione colloquiale, bandita dai discorsi pubblici e dai libri, ok è stato sdoganato in tutti i contesti. Per Barack Obama “ok” è una particella familiare. Ma anche dall’altro lato dell’oceano, tra i puristi britannici, David Cameron ricorre spesso alla locuzione. E nella letteratura? Chi ha letto “La strada” di Cormac McCarthy ricorderà un’infinità di dialoghi tra padre e figlio che si concludono con un “ok”. Anche questa è grande letteratura. Forse, oggi, la più grande.





© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
15/11/2011 - Finalmente... (Giosuè Cavalli)

...dopo tante farneticazioni, leggo la spiegazione (peraltro più che logica) dell'espressione universalmente usata, spiegazione che ho letto, appena adolescente, cinquant'anni fa in un trafiletto su "Selezione dal Reader's Digest", una rivista di propaganda americana che pubblicava condensati di libri di autori famosi e articoli di giornali di allora. Gli adepti della "Accademia della brusca", perchè è con la brusca che si strigliano i somari,la smetteranno di lanciarsi in fantasiose interpretazioni che non stanno ne' in cielo ne' in terra: E' la trascrizione fonetica dell'espressione "All correct" (O Key) sennò suonerebbe (E Si) Tutto quì!

 
23/02/2011 - 0 K (benvenuti Ambra)

Io sapevo avesse origine da "zero killed" ossia = 0 Killed = 0K = OK Tutte quest'altre storielle non le avevo mai sentite

 
23/02/2011 - In effetti (omar Bergomi)

l'origine di ok dovrebbe essere proprio "zero killed" e non questa...

 
23/02/2011 - 0 Killed (Martina Leonardi)

Io sapevo che "ok" deriva dalla Rivoluzione Americana durante la quale per indicare che c'erano stati "0 morti" si scriveva abbreviando "0k" che sta per "0 killed" appunto e che poi vabbè, lo zero è diventato una "o"