BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA SCOPERTA / Il segreto per vivere più a lungo? Si nasconde in un villaggio sperduto nell’Ecuador

Pubblicazione:

Le montagne dell'Ecuador  Le montagne dell'Ecuador

LA SCOPERTA – Il segreto per vivere in eterno potrebbe nascondersi in un piccolo villaggio sperduto tra i monti dell’Ecuador. A rivelarcelo sono due ricercatori, il dottor Jaime Guevara-Aguirre e il collega Valter Longo, che hanno studiato per anni i particolari abitanti di tale paesino. Uomini e donne alti solo un metro, ma praticamente immuni al cancro e al diabete, oltre che al passare degli anni. 

 

L'INCONTRO - Era il lontano 1987, quando Guevara-Aguirre girovagando a cavallo tra sentieri impervi di montagna s’imbatté per caso in alcuni di questi omini. Curioso, come sempre un uomo di scienza dovrebbe essere, si fece accompagnare al villaggio. E qui rimase a bocca aperta: quasi tutti gli abitanti erano alti un metro e sembravano molto più giovani della loro età reale. Si chiese il perché e decise di studiare da vicino il caso. Scoprì che 99 persone esaminate erano affette dalla cosiddetta sindrome di Laron. Il più grande gruppo di pazienti affetti da questa malattia mai esaminato al mondo.

 

Una malattia particolarmente diffusa tra i gruppi di origini sefardite (ebrei spagnoli o portoghesi). Infatti qui non si sta parlando di indios o tribù non ancora conosciute dall’Occidente. Ma di famiglie con cognomi ispanici e radici ebraiche, trasferitesi in Sudamerica e obbligate in seguito a convertirsi al Cristianesimo, anche perché perseguitate dall’Inquisizione.

 

Il dottor Aguirre già nel 1994 colse la relazione tra la malattia e la straordinaria longevità degli abitanti del villaggio. Ma la comunità scientifica non gli credette subito. “Benché i risultati dei miei primi rapporti fossero sorprendenti – spiega il dottor Aguirre -,la gente pensava che i dati fossero troppo limitati per rappresentare un vero e proprio campione credibile. Così decisi di fermarmi nel villaggio altri 10 anni. Ma nessuno mi voleva credere comunque”. Nessuno tranne il ricercatore della Southern California University, Valter Longo, che nel 2005 decise di collaborare alle sue incredibili ricerche. Anche perché in tal modo, studiando casi naturali di esseri umani, avrebbe potuto allungare la vita agli animali da laboratorio. Ma in cosa consiste la particolarità di questi omini?   

 

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >