BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MARK GOULD/ Si finge nazista per trovare la SS che sterminò la sua famiglia

Pubblicazione:

Una parata nazista  Una parata nazista

L’ORDINE DELLO STERMINIO - Si arrese poi alle truppe americane quando arrivarono al Berghof, ritirandosi poi indisturbato a vita privata. Ma le colpe di Frank erano ben altre che quella di aver diretto il centro di vacanze di Hitler. Come tante altre SS, si era macchiato di orrendi crimini di guerra. Nel 1941 infatti aveva personalmente firmato l'ordine di sterminare gli ebrei della Bielorussia. Il messaggio del comandante nazista per quell'occasione recava un suo preciso appunto: "Se la popolazione è inferiore dal punto di vista umano o della razza, bisogna fucilarli tutti". Frank, in modo quasi predestinato, è vissuto così a lungo perché qualcuno alla fine lo potesse portare davanti a un'aula di giustizia. A 97 anni infatti finalmente l'ufficiale delle SS rischia una incriminazione.

 

MARK GOULD - Come in un famoso racconto dello scrittore Stephen King, qualcuno ha fatto amicizia con il criminale nazista riportando in vita gli incubi del passato. Ma non per semplice curiosità, come accade in quel racconto dai contenuti inquietanti e morbosi, ma per fare giustizia. Un americano quarantenne, residente a Los Angeles, di famiglia ebrea, è il protagonista della avventurosa vicenda. I suoi parenti erano tra quegli ebrei della Bielorussia che Frank ordinò di sterminare. In tutto 28 persone, tra zii, cugini e nonni. Si chiama Mark Gould ed evidentemente il desiderio di onorarne la morte era sempre stato alla base dei suoi pensieri.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >