BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MARK GOULD/ Si finge nazista per trovare la SS che sterminò la sua famiglia

Pubblicazione:

Una parata nazista  Una parata nazista

COLPO DI SCENA - Ma proprio qui, sul più bello, quando sembra che Gould sia sul punto da far finire in galera l'ultimo dei criminali nazisti, si aprono le polemiche. E sono proprio gli ebrei del Centro Wiesenthal, famosa istituzione che da decenni dà la caccia ai criminali nazisti ancora in vita, ad alzare i dubbi su Gould e su tutta la vicenda. Frank infatti non compare nella loro lista dei nazisti più ricercati. Perché? Efraim Zuroff direttore del Centro, spiega che il quasi centenario tedesco non sia stato in realtà uno dei responsabili dei massacri degli ebrei. Il suo compito, sembra, fosse solo quello di verificare che le direttive dei suoi superiori aderissero linguisticamente all'ideologia nazista. Secondo Zuroff, questo non vuol dire ordinare uno sterminio.

 

Pur essendo provato che Frank sia tutt'oggi un fervente nazista, non avrebbe mai ordinato alcun massacro. Ecco perché non è mai stato ricercato in tutti questi anni. E si comincia anche ad alzare dei dubbi sul vero scopo di Mark Gould in tutta questa faccenda. Perché sembra che l'uomo non sia neanche ebreo e che nessun suo parente sia mai stato ucciso dai nazisti. Gould in realtà sarebbe solo un mercante di oggetti dell'epoca nazista: i presunti familiari morti durante la Shoah non sarebbero altro che persone vicine al suo patrigno. E allora perché tutta questa vicenda? Gould ha annunciato di voler scrivere un libro sulla sua caccia e di volerne poi trarre un film. Ecco quale sarebbe il vero motivo di tutta la vicenda: business as usual, come dicono proprio gli americani…

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.