BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA CLASSIFICA/ Le donne italiane sono le più magre dell’Unione europea

Pubblicazione:

Francesca Testasecca  Francesca Testasecca

Le donne italiane sono le più magre dell’intera Unione europea. A rivelarlo è uno studio uscito su Lancet, che ha stilato una classifica del peso corporeo in 960 Paesi dal 1980 al 2008, basandosi su 9,1 milioni di persone che hanno partecipato ai test.


LA CLASSIFICA EUROPEA - In tutta l’area Ue le italiane risultano essere all’ultimo posto con un indice di massa corporea (Bmi, dall'inglese Body mass index) pari a 24,8. Nel Vecchio continente le uniche che le battono, nonostante l’abbondanza di cioccolato nella Confederazione, sono le donne svizzere (24,1). Le più rotondette d’Europa sono invece le maltesi (27), seguite da inglesi (26,9) e irlandesi (26,6). Mentre, forse per merito della birra, gli uomini più panciuti risultano essere gli irlandesi (27,7), che sfiorano l’indice dell’obesità (30) a pari merito con i maltesi. Ma non scherzano neppure gli spagnoli (27,5) e gli inglesi (27,4).
 

AMERICANE EXTRALARGE - Mentre i maschi italiani, con un indice di Bmi pari a 26,5, sono battuti in magrezza dai francesi (25,9). A consolare le donne inglesi, il fatto che sono comunque meno cicciotte delle americane, decisamente «big» se non «extralarge». I dati di Lancet evidenziano però che i livelli di obesità in Gran Bretagna tra il 1980 e il 2008 sono cresciuti esponenzialmente, almeno stando al Bmi che mette a confronto peso e altezza per le nazioni ad alto e basso reddito nel mondo. Stando alle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), un indice Bmi tra 18,5 e 24,9 è considerato «sano», tra 25 e 29,9 «in sovrappeso» e oltre 30 «obeso». In 28 anni, tra 1980 e 2008, la media Bmi delle donne inglesi è passato da 24,2 a 26,9.
 



  PAG. SUCC. >