BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INGHILTERRA/ Una famiglia obesa è costata allo Stato 1,2 milioni in cure dimagranti

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

MENU IN CASA JONES - La signora Jones ha dichiarato che i suoi problemi di peso sono iniziati quando era ancora una teenager, e che all’età di 18 anni pesava 140 chili. La sua obesità è aumentata dopo che nel 1985 si è sposata con David, che di lavoro fa il meccanico. E ha aggiunto: «A pranzo mangiamo uova, salsiccia e bacon e a cena un grande arrosto e mele al forno con molto zucchero. Alle otto di sera mangiamo un panino con uova fritte e facciamo merenda con cibo di McDonald’s di grandi dimensioni». Quando ha partorito Stanleigh, la signora Jones pesava già 146 chili e le è stato diagnosticato il diabete, alta pressione e insufficienza renale. Per i suoi problemi di salute legati al peso le sono state prescritte fino a 29 compresse al giorno, per un costo di 5mila sterline al mese. E le ha prese per 15 anni venendo a costare alle tasche dei cittadini inglesi ben 900mila sterline. Il massimo peso raggiunto dalla donna, alta 1 metro e 60 centimetri, è stato di 229 chili e all’epoca faceva fatica a respirare e aveva bisogno di stampelle per camminare.

 

(Pietro Vernizzi)

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.