BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNA CORNICE MILIONARIA/ Un signore inglese compra un quadro per cento sterline e scopre che potrebbe valere 40 milioni

Pubblicazione:

Un autoritratto di Cezanne  Un autoritratto di Cezanne

IL VALORE DI UN QUADRO - Come si calcola il valore di un dipinto? Ovviamente, il valore di un dipinto è maggiore se l'autore è deceduto. Un altro spunto di calcolo per il valore economico di un dipinto è la quantità disponibile di sue opere: più ce ne sono sul mercato, meno hanno valore economico. Ci sono pittori come Umberto Boccioni morto a soli 36 anni che aveva prodotto pochissimo.

Altri, come Virgilio Guidi, morto a 92 anni, hanno lasciato una produzione vastissima, nel suo caso circa 11mila dipinti. Ma ovviamente ci sono le eccezioni: un artista come Picasso che ha prodotto moltissimo ha una valutazione sul mercato molto alta. E'anche il caso degli impressionisti di fine 800 a cui apparteneva Cezanne: hanno prodotto parecchio eppure la loro produzione ha raggiunto cifre altissime, iperboliche. Il loro stile pittorico permetteva infatti una esecuzione veloce, per la mancanza di disegni preparatori. Generalmente, i dipinti su tela eseguiti con colori ad olio sono quelli con le valutazioni più alte. Anche le dimensioni sono importanti. A parità di tecnica e di autore, vale di più il quadro con le dimensioni maggiori.

Attenzione però: dimensioni eccessive (oltre i due metri per due) ne fanno scendere il valore per la difficoltà di trasporto e di sistemazione. Altri spunti per un calcolo: la tipicità dell'opera, la morte dell'artista, il sesso del pittore (le donne infatti sono scarsamente valutate nel mercato d'arte)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.