BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CANADA/ Un dono inaspettato rende speciale la nascita di un bimbo

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

IL DONO DELLA FAMIGLIA CAVALLARO - Altrettanto commovente il gesto della famiglia di Emmanuele Cavallaro, un 20enne siciliano morto in seguito a un incidente stradale, che ha deciso di donare gli organi del figlio a uno sconosciuto. Il giovane, originario di Favara in provincia di Agrigento, è morto il 28 febbraio scorso all’ospedale San Giovanni di Dio dopo tre giorni di agonia. La Smart di Cavallaro si era rovesciata su una strada vicino alle contrade Petrusa e Saraceno, al confine tra Agrigento e Favara. Il 20enne era in un primo momento rimasto gravemente ferito, e un altro ragazzo era rimasto ferito, in un incidente stradale avvenuto all’alba. La Smart si era ribaltata ripetutamente senza scontrarsi con altre auto. Cavallaro era stato quindi ricoverato al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio, e le sue condizioni erano parse subito gravi.

 

CONSENSO O DISSENSO - Secondo i dati Aido, i donatori di organi in Italia sono stati in costante crescita. Sono passati infatti da 788 nel 1999, a 821 nel 2000, 911 nel 2001, 945 nel 2002, 947 nel 2003, 1.120 nel 2004, 1.117 nel 2005, 1.139 nel 2006, 1.097 nel 2007, 1.094 nel 2008 e 1.167 nel 2009. La legge italiana stabilisce il principio del consenso o dissenso esplicito, per cui a chiunque è data la possibilità di dichiarare la propria volontà favorevole o contraria all’espianto. In mancanza di una esplicita dichiarazione espressa in vita, i familiari possono presentare opposizione scritta al prelievo durante il periodo di accertamento di morte, oppure acconsentire alla donazione di organi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.