BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VALLE PIOLA/ Un borgo medioevale in vendita a 144 euro al metro quadro

Pubblicazione:

Ruderi a Valle Piola  Ruderi a Valle Piola

STORIA MILLENARIA - Il borgo però ha un’importanza storica senza pari, se si considera che la prima testimonianza scritta sulla frazione risale al 1059 e che nelle case sono presenti reperti archeologici senza pari. Come i “gafii”, balconi tipici dell’arte longobarda. E come aggiunge il quotidiano Il Centro, il maestro e giornalista Fernando Aurini, che ha visitato Valle Piola alla fine degli anni ‘40, ha raccontato in alcuni suoi articoli di esservi venuto in contatto con una vita arcaica: ci si cibava con il farro e i bambini si divertivano con il gioco degli aliossi, una sorta di dadi rudimentali. Per secoli la zona è stata infestata dai briganti.

MANCANO I FONDI - Daniele Palumbi, primo cittadino di Torricella Sicura, osserva: «Abbiamo fatto di tutto per attirare finanziatori, anche attraverso un bando per la locazione di una struttura ricettiva. E' un edificio di cui siamo proprietari insieme ad altri due ruderi. Ha risposto una sola persona, che poi ha rinunciato. La struttura, tra l'altro, è stata oggetto di atti di vandalismo». Al borgo si arriva percorrendo una strada sassosa che poi diventa selciata tra le case e i ruderi, all’altezza di via della Fauna, e prosegue come mulattiera. La strada è uno dei problemi di Valle Piola. Palumbi ha chiesto all'Ente Parco Nazionale del Gran Sasso di fornire una parte dei 500mila euro necessari, ma la risposta negativa in quanto i fondi non sono disponibili. Come scrive infatti il Corriere della Sera, l’Ente Parco non ha in progetto alcun intervento di recupero del borgo disabitato dal 1977.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >