BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHARLES MANSON/ Il criminale: Obama è un idiota, io sono il diavolo

Pubblicazione:

Charles Manson  Charles Manson

L’UCCISIONE DI SHARON TATE - Cinque membri della famiglia, di cui quattro donne, sono stati trovati colpevoli per gli omicidi. Mentre Manson, che non era presente alla scena del crimine, è stato condannato per essere stato il capobanda. Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Leslie Van Houten sono state tutte condannate a morte per il loro ruolo nel massacro che ha stroncato la vita dell’attrice Sharon Tate, la moglie in gravidanza avanzata del regista Roman Polanski, e ad altre sei persone a Los Angeles nella notte dell’8 e del 9 agosto 1969. Le condanne sono state trasformate in ergastoli. Atkins ha inizialmente ammesso di avere accoltellato Tate 16 volte. E ha quindi scarabocchiato «maiale» sul luogo del delitto con il sangue della donna.

DEVOTE CONDANNATE A VITA - A sua volta membro della Famiglia, in seguito ha sempre affermato di non avere mai accoltellato l’attrice. E’ morta in prigione nel settembre 2009, e all’epoca era la donna rimasta in carcere più a lungo nel sistema penale californiano. In seguito alla sua morte, il record spetta ora a Krenwinkel. Un’altra devota della setta di Manson, Lynette «Squeacky» Fromme, che non è stata implicata nelle uccisioni del 1969, ma è stata incarcerata nel 1975 dopo avere puntato una pistola carica contro il presidente Gerald Ford da due piedi di distanza, è stata rilasciata per buona condotta nel 2009.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.