BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SAMOA/ L'isola del giorno dopo: nel 2011 un giorno in meno

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

L'arcipelago di Samoa non vedrà il 30 dicembre (Ansa)  L'arcipelago di Samoa non vedrà il 30 dicembre (Ansa)
<< Prima pagina

Ma nel 2011 Samoa diventerà invece il primo paese del mondo a vedere l'alba. Il governo infatti ha deciso di cambiare fuso orario, in pratica facendo ciò Samoa vivrà quest'anno un giorno in meno. Si farà un salto in avanti di 24 ore: il 29 dicembre Samoa si adegua al fuso orario della Nuova Zelanda e si troverà automaticamente già al 31. Un giorno di vita in meno per tutti, il 30 dicembre 2011. Non esiste infatti alcuna legge internazionale vigente che obblighi alcun paese al mondo a osservare un fuso orario invece che un altro. Le ragioni di tutto questo caos che già ha fatto infuriare chi compie gli anni il 28 dicembre? Economiche, naturalmente, come per ogni fuso orario che si rispetti.


DUE GIORNI IN MENO -  Samoa non è nuova a queste bizzarre interpretazioni. Qualche tempo fa, esattamente nel settembre 2009, il governo decise di cambiare la guida, spostando il senso di marcia dalla destra alla sinistra per adeguarsi al sistema australiano e neozelandese, i paesi con cui intrattiene le maggiori relazioni economiche. Anche quella volta gli isolani si infuriarono, anche perché dovettero cambiare sistema di guida e perché gli unici mezzi pubblici dell'isola, 18 in tutto, non potevano certo cambiare sistema di guida. Adesso il fuso orario: un motivo sempre economico. L'attuale fuso orario fa infatti perdere due giorni lavorativi con Australia e Nuova Zelanda e altri stati insulari vicini. Mentre favorisce il commercio con Stati Uniti e Europa. “Nel fare affari con la Nuova Zelanda e l’Australia perdiamo due giorni lavorativi ogni settimana”, ha spiegato Tuilaepa Sailele Malielegaoi, il primo ministro dell'isola, che ha proseguito: “ Quando qui è venerdì, in Nuova Zelanda è sabato e quando noi siamo a messa la domenica, loro stanno già facendo affari a Sydney e Brisbane”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.