BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PERLE SCONOSCIUTE/ I 10 migliori quartieri delle metropoli turistiche mondiali

Pubblicazione:

Un'ex fabbrica trasformata in art studio a New York  Un'ex fabbrica trasformata in art studio a New York

I dieci migliori quartieri delle metropoli turistiche mondiali. Spesso i viaggiatori quando si recano a Parigi, a New York o a Tokyo, si accalcano tutti nel centro cittadino e in pochi altri punti d’attrazione molto frequentati. Tralasciando del tutto delle perle sconosciute, dove in realtà è possibile respirare la vera atmosfera della città e mangiare le specialità del luogo a prezzi abbordabili. Ecco quindi i dieci migliori quartieri selezionati da «lonely planet Italia».

 

WILLIAMSBURG, NEW YORK, USA – In questo quartiere di Brooklyn, hippie gustano la birra chiara nei pub di Bedford Avenue, circondati da piccoli negozi di immigrati, come portoricani, italiani e arabi. Partendo da Manhattan, è possibile attraversare il ponte di Williamsburg Bridge e godersi le oltre 60 gallerie d'arte, i negozi di dischi e i ristoranti etnici. Oltre a degustare l’ampia gamma di birre della Brooklyn Brewery.

 

KOREATOWN, TORONTO, CANADA – Si raggiunge percorrendo Bloor Street verso ovest. Dopo il cinema d'essai Bloor e il centro commerciale Honest Ed, ci si ritrova nella Seul d’America. I cartelli stradali sono in inglese e coreano e a pranzo è possibile entrare in un chobab bar per gustare il sushi e nelle caffetterie per prendere il kimchi. Mentre nel PAT Central Market si trovano verdure sconosciute e il bibimbap, un piatto a base di riso e verdure. Dopo cena è possibile recarsi in uno dei tanti noraebang, i bar karaoke dove si canta per tutta la notte.

 

NAKA-MEGURO, TOKYO, GIAPPONE – Le rive del fiume Meguro sono ricoperte di caffè e negozi di moda affollatissimi. L’ex zona dismessa nella zona sud della capitale, a due fermate di metropolitana da Shibuya Crossing, il cuore pulsante di Tokyo, è tornata alla sua seconda vita. Gli affitti accessibili hanno reso il quartiere il rifugio ideale per gli intellettuali, una sorta di Montparnasse parigino costellata da gallerie d’arte e negozi di antiquariato.



  PAG. SUCC. >