BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SOUTH CAROLINA/ Disoccupato finisce in carcere per una rapina da un dollaro

Pubblicazione:

James Verone (9News.com)  James Verone (9News.com)

IL PRECEDENTE IN ITALIA - Ma una vicenda simile è successa anche in Italia due anni fa. Un uomo di Napoli ha rubato un pacco di wafer da 1,29 euro in un supermercato ed è stato condannato a tre anni di reclusione. Salvatore Scognamiglio, 40 anni, non ha potuto godere dell'attenuante del danno lieve per gli effetti della legge Cirielli che ha introdotto un giro di vite per i recidivi. La sentenza è stata emessa nel luglio 2009 dal giudice di Marano, sezione distaccata del Tribunale di Napoli, al termine di un breve processo che era stato chiesto dal pubblico ministero nelle forme del giudizio immediato. Assistito da un avvocato d’ufficio, l'imputato - che per questa accusa si trova agli arresti domiciliari - non ha chiesto l'adozione di riti alternativi come patteggiamento o rito abbreviato che avrebbero potuto portarlo a essere condannato una pena più lieve.

 

«AVEVO FAME» - Scognamiglio è stato riconosciuto colpevole di rapina impropria. Pochi giorni prima, all'interno di un discount di Melito, in provincia di Napoli, era stato bloccato da due addetti alla sicurezza che lo avevano sorpreso mentre si impossessava di un pacco di biscotti. Invitato a consegnare la refurtiva - come emerso al processo – Scognamiglio ha tentato di fuggire, ma è stato presto immobilizzato e consegnato ai carabinieri. «Mi vergogno, avevo fame...», ha dichiarato Scognamiglio, che è tossicodipendente e che in passato ha già riportato condanne per piccoli furti. Il giudice, in base alle norme sulla recidiva della Cirielli, che non consente in questi casi di concedere le attenuanti, lo ha condannato a tre anni di carcere, il minimo consentito dalla legge.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.