BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DEPRESSIONE DEL LUNEDI'/ E' tutta colpa dello spirito tribale, rivela un nuovo studio

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

La depressione del lunedì mattina è ben nota in tutti coloro che si recano a lavorare. Ma pochi sanno che essa è dovuta a qualcosa di ancestrale che permane nel nostro animo…

DEPRESSIONE DEL LUNEDI' - Non c'è solo l'angoscia della domenica sera, quella tristezza che pervade l'animo di molti al termine del weekend all'idea che fra poche ore si ricomincerà con la solita routine del lavoro. Quella angoscia della domenica sera si prolunga quasi sempre in depressione del lunedì mattina. Non è uno scherzo, si tratta di una sindrome vera e propria, analizzata, studiata e anche curata dalla medicina ufficiale. La sindrome del lunedì mattina si manifesta in forte sonnolenza, mal di testa, incapacità a concentrarsi anche sui più piccoli impegni, malumore e irritabilità. La causa? Oltre a quella del ritorno alla routine lavorativa, scientificamente si includono anche motivazioni come il cambio improvviso di comportamenti, dalla spensieratezza del weekend alle regole lavorative, e poi l'alternanza dei bioritmi, e infine anche il complesso mentale che fa balzare al lunedì mattina improvvisamente davanti tutta la sfilza di impegni della settimana che ci aspetta. Ma se ci sembrava di sapere tutto sula sindrome del lunedì mattina, ci sbagliavamo.

SPIRITO TRIBALE - Secondo un recente studio compiuto in Inghilterra, dove sembra ci sia la massima conoscenza della sindrome del lunedì mattina, le persone più colpite da tale sindrome sono quelle di età compresa fra i 45 e i 54 anni. Normalmente, dette persone si lamentano e soffrono per un totale di dodici minuti consecutivi. Il 50% della gente arriverà al lavoro in ritardo, ogni lunedì mattina. Non solo: difficilmente uno di essi rilascerà il primo sorriso della giornata prima delle ore esatte delle 11 e 16. Ma la cosa più interessante è la nuova motivazione dietro a tutto questo malessere che hanno individuato gli studiosi inglesi. Si tratterebbe di un ricordo ancestrale che alberga nel nostro animo.





  PAG. SUCC. >