BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL MOSTRO DELL'HIV/ Inghilterra, un uomo ha infettato due donne senza dire che era malato

Pubblicazione:

L'uomo che infettava le sue amanti  L'uomo che infettava le sue amanti

Ha infettato due donne. Aveva il virus dell'Aids, ma non lo rivelava a nessuna. Anche durante il processo ha avuto rapporti con una di esse

La stampa inglese lo definisce "il mostro dell'Hiv", ma anche "il mostro dello Zimbabwe". E ancora, "callous lover", che vuol dire un amante che non prova alcun sentimento per le altre persone. In effetti, quello che ha fatto mostra una spregiudicatezza e un disinteresse per gli altri che ha pochi esempi analoghi in storie d'amore. Se così si possono chiamare. Nkosinati Mabanda, 44 anni, un immigrato africano proveniente dallo Zimbabwe da alcuni anni residente in Inghilterra, non si è mai preoccupato di dire a nessuna delle donne che frequentava che era positivo all'Aids, o hiv come viene chiamato il virus nei Paesi anglo sassoni. Non solo: era evidentemente una persona affascinante, che colpiva l'immaginazione delle donne, tanto da aver avuto relazioni con ben dieci di esse in circa quattro anni soltanto. Due di queste donne adesso si sono ritrovate affette anch'esse dall'Aids. Certo, nessuna si è preoccupata di informarsi, ma lui si è comportato davvero da "callous lover", un amante senza sentimenti.

Mabanda finalmente è stato assicurato alla giustizia. La corte che lo ha giudicato gli ha inflitto una condanna a quattro anni di pena e lo ha avvertito del rischio, al termine della pena, di essere rispedito al suo Paese. L'uomo era così indifferente alla sorte delle sue amanti che anche in attesa del giudizio, quando già era stato denunciato alla giustizia, ha continuato ad aver rapporti occasionali con una decima donna. Che fortunatamente non ha contratto il virus.







  PAG. SUCC. >