BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SALUTE/ I 4 killer globali responsabili di 36 milioni di vittime l’anno

Pubblicazione:

La sigaretta è tra i principali fattori di rischio  La sigaretta è tra i principali fattori di rischio

Una classifica dei principali killer globali, cioè delle malattie che fanno il maggior numero di morti a livello mondiale. Per anni, scienziati e medici si sono concentrati soprattutto su Aids, tubercolosi e nuovi virus influenzali. Ora invece si starebbero rivolgendo a una nuova serie di responsabili.

 

I 4 KILLER - Cioè contro quelli che, secondo il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, starebbero causando “un’emergenza sanitaria al rallentatore”. Stavolta l’obiettivo non sono i germi, ma le cattive abitudini come il fumare, il mangiare smodatamente e il fare troppo poco esercizio fisico. La prossima settimana l’assemblea generale dell’Onu terrà il suo primo summit sulle malattie croniche, come cancro, diabete e malattie di cuore e polmoni. Cioè dei responsabili di quasi due terzi delle morti a livello mondiale, per un totale di 36 milioni di vittime l’anno. Come scrive Marilynn Marchione sull’Associated Press, negli Stati Uniti i quattro “killer globali” uccidono quasi nove persone su dieci. Hanno dei fattori di rischio in comune, come il fumo e uno stile di vita sedentario, e in molti casi possono essere prevenuti.

 

ECATOMBE MONDIALE - A livello mondiale, l’ictus e i disturbi legati al cuore causano quasi metà di tutte le morti per malattie non infettive. Ben 17 milioni solo nel 2008, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Il cancro invece provoca 7,6 milioni di morti e i disturbi respiratori come l’enfisema 4,2 milioni. Il diabete nel 2008 ha causato 1,3 milioni di morti, anche se in realtà la maggior parte dei diabetici muoiono di disturbi cardiovascolari. L’Onu ha scelto di focalizzarsi su questi quattro “killer globali” e sui fattori di rischio che hanno in comune: utilizzo di tabacco, abuso di alcol, diete non salutari, scarsa attività fisica e tumori legati all’inquinamento ambientale. Ciascuno dei quattro killer ha impatti diversi a seconda delle differenti aree geografiche. Europa e Nord America stanno pagando soprattutto un prezzo elevato per il fatto che la popolazione mangia eccessivamente, fa troppo poco esercizio fisico e fuma. A dominare sono i disturbi cardiaci e il diabete.



  PAG. SUCC. >