BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RICERCA ONU/ Il “bambino numero 7 miliardi” nascerà il prossimo 31 ottobre

Pubblicazione:

Un neonato  Un neonato

Il bambino numero sette miliardi nascerà il prossimo 31 ottobre. Lo afferma l’Onu, secondo cui entro un mese e mezzo la popolazione mondiale raggiungerà i sette miliardi di persone.

 

9 MILIARDI NEL 2050 - Sempre secondo i demografi delle Nazioni unite, gli esseri umani sulla faccia della Terra cresceranno fino a quota 9 miliardi di persone prima del 2050 e quindi raggiungeranno i 10,1 miliardi entro la fine del secolo: ovviamente, sempre che gli attuali tassi di fertilità continuino a rimanere ai livelli stimati. E che negli ultimi decenni hanno portato la popolazione mondiale a un aumento esponenziale. Infatti sono stati necessari 123 anni perché gli abitanti del pianeta Terra duplicassero, passando da un miliardo nel 1804 a due miliardi nel 1927. Come scrive la France Presse, nel 1987 sono stati raggiunti i cinque miliardi e quindi in soli 11 anni si è aggiunto un altro miliardo di persone in più.

 

IL TASSO DI INCREMENTO - Tuttavia attualmente il tasso di incremento della popolazione mondiale sembrerebbe essere in diminuzione. Perché si arrivi a quota 8 miliardi saranno infatti necessari 14 anni, e per raggiungere i 9 miliardi in tutto 18 anni, almeno secondo le previsioni dell’Onu. Per Babatunde Osotimehin, capo del Fondo per la Popolazione dell’Onu (UNFPA), il 19 per cento della popolazione giovane si trova nel mondo in via di sviluppo, incluse circa 900 milioni di ragazze e di giovani donne con un accesso scarso o nullo all’educazione. E l’incremento da qui al 2050 riguarderà soprattutto la popolazione asiatica e africana.

 

L’INDIA BATTERA’ TUTTI - Non a caso già dalle statistiche attuali emerge già che lo Stato più popoloso è la Cina con 1 miliardo e 346 milioni di persone. Al secondo posto l’India con 1 miliardo e 241 milioni, mentre gli Stati Uniti si fermano a 311 milioni. Ma nell’arco di 39 anni la mappa dei Paesi più popolosi cambierà notevolmente: l’India supererà tutti, la Cina scenderà al secondo posto e al terzo emergerà la Nigeria, non a caso uno Stato africano. Analizzando le classifiche relative ai continenti si scopre inoltre che in Asia vive il 60,4% della popolazione della Terra, in Africa il 15%, in America il 13,5%, in Europa il 10,6% e in Oceania lo 0,5%.



  PAG. SUCC. >