BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLASSIFICA/ Marina Berlusconi è l’unica italiana della Fortune's Most Powerful Women

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Solo Marina Berlusconi, in Italia, occupa una posizione nella classifica “Global Most  Powerful Women in Business”' stilata da Fortune sulle 50 donne in affari più potenti del mondo, al di fuori degli Stati Uniti d’America. SI tratta di donne che si sono fatte notare nello star system del business come manager o come imprenditrici. La presidentessa del gruppo Fininvest e della casa editrice Arnoldo Mondadori si è piazzata 12esima. Marina, primogenita, figlia di prime nozze di Silvio Berlusconi, che l’ha avuto con Carla Dall’Oglio, dopo aver frequentato il liceo classico Leone Dehon di Monza è entrata giovanissima nella holding che controlla le aziende del padre fino ad assumerne, nel 1996, la vicepresidenza. Dal 2005, invece, ne è presidente. A capo della casa editrice, invece, è stata posta nel 2003, quando è entrata al defunto Leonardo Mondadori.

La Berlusconi è anche nei consigli di amministrazione di Mediaset, Mediobanca, Mediolanum e Medusa Film. La rivista Forbes l’ha classificata, invece, come la donna italiana più potente nel 2010, la 48esima donna più potente al mondo. Di recente è balzata agli onori delle cronache per aver polemizzato con Saviano, al quale l’Università di Genova ha conferito la laurea honoris causa in Giurisprudenza. Saviano aveva infatti dedicato il titolo ai pm che stavano indagando il premier per concussione e prostituzione minorile.  

Contestualmente, da mesi si ventila l’ipotesi di una sua futura discesa in campo, per succedere al padre anche in politica. Sul primo gradino del podio, invece, si è piazzata Cynthia Carroll. Nata nel 1957, è un ‘imprenditrice americana, amministratore delegato della Anglo American, una delle società minerarie più importanti al mondo, con sede a Londra. Sul secondo gradino del podio, invece, c’è Gail Kelly. Nata il 25 aprile del 1956, è una donna d’affari australiana  di origini sudafricane. Attualmente è Ceo di Westpac, multinazionale di servizi finanziari nonché una delle quattro banche più grandi d'Australia. E’ diventata, nel 2002,la prima donna a capo di un istituto finanziario australiano.  



  PAG. SUCC. >