BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COMETA ELENIN/ Le teorie dei catastrofisti si sono "disintegrate"? Il commento dell'Osservatorio Apocalittico

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

ALTRI CASI - Roberto Paura cita poi altre profezie apocalittiche di varia natura: "Il caso della profezia sul giorno del giudizio del predicatore apocalittico americano Harold Camping. Già noto per simili esternazioni, aveva messo su una costosissima campagna d'informazione sul giorno del giudizio finale previsto per lo scorso 21 maggio. I manifesti pubblicitari al riguardo, curati dall'emittente radio di Camping, Family Radio, sono apparsi in diverse parti d'Italia, come nelle stazioni della metro di Napoli. Abbiamo appurato che decine di milioni di euro sono stati spesi per questa campagna, raccolti grazie alle donazioni di tantissime persone convinte dalle parole di Camping. Alcune di queste hanno donato a Family Radio tutte le proprie sostanze, convinte di non averne più bisogno. Camping, il cui calcolo del giorno del giudizio si basava su antiquate interpretazioni creazioniste della Bibbia, è stato poi colpito da un ictus pochi giorno dopo la mancata Armageddon, e il suo programma è stato cancellato dalla radio. Chiamiamolo un giudizio di Dio... Ma molta gente per fortuna ci ha sostenuto e tramite l'Osservatorio è stata messa in guardia dalle bugie di questo predicatore". Viene da chiedersi quante altre teorie apocalittiche siano in circolazione: "Moltissime altre, purtroppo. Il caso di Nibiru, appunto, che dovrebbe arrivare in vista della Terra il 21 dicembre 2012, ma che nessun astronomo ha finora avvistato... O quello del satellite UARS che ha terrorizzato la popolazione del Nord Italia a causa della cattiva informazione dei TG, che non hanno citato i calcoli delle probabilità della NASA. Quasi ogni giorno storie del genere si diffondono nel web o in tv e gettano nel terrore tantissime persone. Abbiamo segnalato diversi casi di suicidi/omicidi legati alle paure della fine del mondo e stiamo mettendo in guardia i mezzi d'informazione dal continuare ad alimentare queste storie". Come nasce il vostro sito? "Frequentando gruppi di discussione sul web di inclinazione catastrofista, abbiamo appurato che fornire ai lettori una corretta informazione contribuisce a ridimensionare le paure della fine del mondo e a screditare coloro che divulgano queste storie. Perciò abbiamo pensato di "mettere a sistema" le nostre competenze in molteplici campi - astronomia, fisica, geologia, religioni, antropologia e sociologia - per raccogliere, analizzare e smentire le notizie apocalittiche e offrire risposte chiare e verificabili ai lettori preoccupati. E' assolutamente necessario prendere sul serio queste paure, che si stanno diffondendo a macchia d'olio soprattutto tra i giovanissimi, a cui la scuola non fornisce più gli strumenti di discernimento necessari per difendersi dal continuo bombardamento mediatico di stampo apocalittico".



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >