BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BANCHE POPOLARI/ Gli scenari futuri di un sistema ancora competitivo

Pubblicazione:giovedì 28 agosto 2008

Bancomat_FN1.jpg (Foto)

Come stanno le banche popolari? Pare bene, nelle parole di Fratta Pasini (Presidente Banco Popolare e dell’Associazione nazionale tra le banche popolari): «Il credito popolare», ha affermato, «rappresenta un segmento che guadagna sempre più quote di mercato dentro il sistema bancario». Qualcosa è cambiato, in ragione delle operazioni di concentrazione degli ultimi anni, ma Pasini ha tenuto a sottolineare che non si è modificato «il mestiere e il modo di intermediazione creditizia delle popolari». Luigi Casero (sottosegretario di Stato all’Economia e finanze) ne ha infatti ricordato il merito di sapersi rapportare in maniera più diretta con il territorio; ha però sottolineato che, a suo avviso, la forte dipendenza dal territorio e il sistema di controllo societario basato sulla grande partecipazione entrano «in rotta di collisione» con la quotazione in borsa. Pasini si è invece detto convinto che «non esiste una presunta incompatibilità tra le quotazioni in borsa e la struttura cooperativa, perché oggi sono quotati gli strumenti finanziari più disparati. L’importante è che chi compra nel mercato finanziario possa avere una conoscenza trasparente del prodotto in questione».

 

Durante l’incontro, il Presidente del Banco Popolare ha colto l’occasione per affrontare il tema dell’italianità delle banche, sostenendo che se non ci sono problemi sulla nazionalità dei capitali, un altro conto è «che una banca italiana abbia tra i suoi principali azionisti una o più banche straniere». Due i temi affrontati dal Presidente di Banca Akros, Graziano Tarantini: anzitutto, «la tendenza odierna di voler eliminare i rischi per poi tutelare tutti, mettendo così a repentaglio i meccanismi dell’economia moderna di mercato», invece di migliorare l’informazione al consumatore – vera priorità. Poi, l’influenza che teorie estranee alla nostra storia hanno su di noi: «le banche popolari sono un fattore di modernità e competitività che guarda al futuro».



© Riproduzione Riservata.