BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Fantozzi riapre la procedura di acquisto: scadenza 30 settembre

Pubblicazione:lunedì 22 settembre 2008

alitalia_logoR375_20ago08.jpg (Foto)

Si riapre la procedura per l'acquisizione di Alitalia. Il commissario straordinario di Alitalia Augusto Fantozzi ha invitato a presentare entro il 30 settembre le manifestazioni di interesse per uno o più rami d'azienda. È quanto si legge in un documento pubblicato sul sito della compagnia.

 

Il commissario straordinario, considerate le ragioni di «necessità e urgenza» stabilite nel Dpcm del 29 agosto 2008, invita «chiunque sia in grado di garantire la continuità nel medio periodo del servizio di trasporto, la rapidità dell`intervento nonché il rispetto dei requisiti previsti dalla legislazione nazionale, ivi compresi i Trattati di cui è parte l`Italia», a presentare manifestazioni di interesse per l`acquisto di uno o più rami di azienda di Alitalia Spa in amministrazione straordinaria, e delle altre società del gruppo in amministrazione straordinaria, Alitalia Airport, Alitalia Express, Alitalia Servizi e Volare Spa, anche non preesistenti.

Tali manifestazioni dovranno pervenire entro il 30 settembre 2008, ore 12.00 unitamente a tutta la documentazione che ne consenta la valutazione al fine di avviare l`eventuale trattativa.

Nel documento si ricorda che la procedura di amministrazione straordinaria cui sono ammesse le società Alitalia, «contempla la possibilità di cedere a trattativa privata tutti o parte dei complessi aziendali o delle attività produttive, definendo i contenuti di uno o più dei rami di azienda, anche non preesistenti, con individuazione dei lavoratori che passino alle dipendenze del cessionario, e ciò anche previa collocazione in cassa integrazione guadagni straordinaria o cessazione del rapporto di lavoro in essere e assunzione da parte del cessionario».

La cessione potrà escludere, in tutto o in parte, la responsabilità dell`acquirente per i debiti relativi all`esercizio delle aziende cedute sorti prima del trasferimento ed, in ogni caso, non potrà prevedere un prezzo inferiore a quello stabilito dall`esperto indipendente nominato dal ministro dello Sviluppo Economico.

Il commissario sottolinea poi che «l`unica significativa offerta pervenuta, e sulla base della quale era stata avviata la trattativa, è stata revocata».

 

Rispondi al sondaggio



© Riproduzione Riservata.