BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALITALIA/ Epifani (Cgil): difesi gli stipendi più bassi

Il Segretario generale della Cgil spiega come siano state accolte le richieste relative ai salari dei dipendenti. VOTA IL SONDAGGIO.

ala_alitalia_FN1.jpg (Foto)

Le modifiche apportate all'accordo permetteranno una difesa del salario dei piloti e assistenti di volo la cui decurtazione del 6-7% sarà compensata con un aumento della produttività. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani parlando dell'accordo raggiunto con Cai sul piano di rilancio di Alitalia. L'intesa, ha spiegato, «dimostra che si può essere responsabili e fare buone cose. Con i chiarimenti portati si dà risposta ad alcune questioni in sospeso e che andavano chiarite diversamente».
Spiegando le integrazioni Epifani ha detto che «la decurtazione delle retribuzioni del 6-7% per piloti e assistenti di volo sarà recuperata con un incremento della produttività». In particolare ha detto, il «riferimento all'area dei precari», e la rassicurazione che «il personale con stipendi di 1.200-1.1300 euro non avrà decurtazioni, mentre i piloti potranno mantenere gli stessi stipendi con un aumento della produttività».
È stata anche cancellata, ha concluso Epifani, la norma che avrebbe decurtato gli stipendi del personale di volo per i primi tre giorni di assenza per malattia.

Rispondi al sondaggio

© Riproduzione Riservata.