BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ECONOMIA REALE/ 9. Cinque per uno, la moltiplicazione che può battere la crisi

Pubblicazione:martedì 6 ottobre 2009

lavoro_meetingR375.jpg (Foto)

 

No, ognuno rimane come azienda a se stante ma insieme facciamo un gruppo che va in giro e si fa vedere come se fosse un’unica azienda. Questo ci permette di affrontare il mercato in cinque anziché da soli. I nostri prodotti non sono in concorrenza, nelle aziende possono venire usati a volte da soli a volte insieme. Il nostro piccolo vanto è quello di aver saputo andare oltre la gelosia tipicamente italiana del proprio parco clienti. Anche adesso stiamo operando in gruppo, in uno scambio quotidiano di favori reciproci e di informazioni.

 

Che salto richiede, che maturazione aziendale?

 

Serve una visione un po’ più aperta di quella con la quale noi italiani facciamo impresa. Se nel mio piccolo orto cresco dei tulipani, può darsi che intorno a me senza saperlo io abbia un prato molto più grande che non vedo ma che posso coltivare anch’esso a tulipani. E al mio vicino può giovare il mio campo.

 

Che peso ha avuto la crisi nel determinare questa scelta?

 

Direi piuttosto che una scelta come la nostra si sta rivelando azzeccata proprio in un momento come questo. Siamo piccoli, abbiamo tempi di gestione limitati. Se un giorno sei a Bologna non sei a Milano: per una grande azienda il problema non si pone, ci va qualcun altro. Ma se sei piccolo è diverso e le energie si disperdono in un attimo. Promotour è il nostro evento-esposizione itinerante, una piccola fiera solo nostra che facciamo in una location prestabilita: un hotel, per esempio. Siamo stati a Firenze, a Viareggio, a metà ottobre saremo a Parma. Se ognuno di noi porta cinque clienti vuol dire che grazie agli altri ha la possibilità di conoscere venti clienti nuovi. Non è detto che poi si realizzi, ma intanto è un’opportunità che non c’era.

 

Torniamo alla crisi. Per la comunicazione aziendale dev’essere un momento molto difficile, è una delle prime voci di budget a essere tagliata. Qual è la sua impressione?

 

È vero. Da ottobre dell’anno scorso c’è sicuramente una contrazione nelle vendite sia nei nostri canali che nei canali di pubblicità, che sono tagliati come prime voci. Il mio, ovviamente, è un parere del tutto interessato, ma se tagli la comunicazione tagli la visibilità e le relazioni. Capisco che le aziende in questa fase siano di fronte a gravi difficoltà: il mantenimento dei posti di lavoro, il calo degli ordinativi. La situazione peggiore è quella di chi è piccolo e sbilanciato e con pochi clienti. Io giro molto e vedo gente che vuole reagire e questo è importante. In crisi non agire equivale a sprofondare.

 

Voi, per cominciare, una risposta l’avete data.

 

Abbiamo il vantaggio non indifferente di ridurre i costi: i 4mila euro che dovrei sostenere da solo per una fiera, in quattro diventano mille a testa. Ma innanzitutto crisi per noi ha voluto dire puntare su un nuovo strumento di conoscenza e la fiera itinerante risponde a questo obiettivo. Se ad un evento oltre a me porto un mio partner questo vuol dire più opportunità non solo per lui ma anche per il cliente, che ha più scelta.

 

Quali obiettivi vi siete posti?

 

I riscontri positivi in termini di fatturato ci sono e quindi il sistema funziona. Lo hanno capito anche altri perché abbiamo nuove richieste di aggregazione: guardano quello che facciamo e ci chiedono di poter entrare. Ora guardiamo ad una possibile evoluzione del Promotour: ci piacerebbe aggregare altre aziende italiane del nostro settore e portarle all’estero.

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.