BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

J’ACCUSE/ Sapelli: il mito della crescita e i cattivi “maestri” uccidono le Pmi

Il direttore de Il Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli li ha definiti gli «invisibili»: sono i piccoli e micro-imprenditori, oggi sempre più in difficoltà a causa della crisi e di un paese che ha sempre più bisogno di riforme. Ilsussidiario.net ne ha parlato con l'economista GIULIO SAPELLI

operaia_lavoroR375_15nov08.jpg(Foto)

Ferruccio de Bortoli, nel suo editoriale sul Corriere della Sera di ieri dedicato a Le buone ragioni degli indipendenti, ha preso le difese degli «invisibili»: i professionisti, le micro e piccole imprese che formano l’«architrave di passioni e competenze che regge alla base il sistema economico» del nostro paese. Una “generazione di produttori» che si trovano a dover affrontare da soli una crisi economica grave e spiazzante. «Nel Paese della concertazione - scrive nella sua inchiesta Dario Di Vico - oggi soffriamo di un clamoroso deficit di rappresentanza». Ilsussidiario.net ne ha parlato con l’economista Giulio Sapelli.

De Bortoli ha rivolto un appello in difesa degli “invisibili”, ai quali l’Italia deve molto, quasi tutto, ma che sono trattati male.

È la verità. De Bortoli, che non scrive ogni giorno, quando lo fa è perché vi ha dedicato un’attenta riflessione. E le inchieste di Di Vico sono puntualmente serie. Se prescindiamo da queste e altre poche lodevoli testimonianze, il dibattito su questo tema è stupefacente per la sua approssimazione. Perché se c’è un paese di cui la comunità scientifica ed economica internazionale ha studiato e ancora studia il sistema produttivo, questo è proprio l’Italia. Senza però capirlo fino in fondo. Noi compresi.

Che cosa sfugge alle analisi, se nemmeno noi lo abbiamo capito del tutto?

Non abbiamo ancora capito che la piccola impresa, ancor prima che un fattore economico, è un fattore sociale. E che la sua chiave di lettura è prima di tutto antropologica. La piccola e media impresa italiana è la proiezione dell’impeto di costruzione esistenziale e sociale della famiglia italiana. E il nostro tessuto produttivo, semplificando, è il prodotto di una concentrazione di famiglie specializzate in alcune attività economiche. Ma bisognerebbe rileggersi Frederic Le Play e Aleksandr Chajanov.

Siamo il popolo delle partite Iva. Sotto esame finisce sempre il nostro individualismo, che  ci impedisce di fare sistema. Che cosa è successo all’impresa-famiglia italiana?

La causa di quello che vediamo, e che De Bortoli e Di Vico denunciano così bene, è culturale prima che economica. Occorre mettersi in testa che la disgregazione della famiglia provocata dal nichilismo moderno ha delle conseguenze economiche. Tutti coloro che hanno parlato di piccola impresa in Italia si sono spesso dimenticati che avevano di fronte imprese familiari, e che per comprenderle bisognava capire la famiglia ancor prima dell’impresa economica. Ad essere in crisi, infatti, è l’impresa nella sua accezione familiare.

Ma in concreto cosa significa?

Quello che tutti vediamo: da un lato l’impresa familiare ha consegnato i figli al sistema di istruzione, demandando ad esso quello che solo lei può fare. Non li ha trattenuti nell’impresa, non ha continuato quella tradizione di esperienza che è sempre stata il suo segreto. E dall’altro si è consegnata ad improbabili consulenti che l’hanno rapinata, oppure le hanno fatto credere che la legge del suo sviluppo fosse quella dell’accrescimento continuo.

Invece?

Proprio la crisi dimostra che non c’è sviluppo continuo. Si doveva capire prima che una crisi sarebbe arrivata e che quindi andava messo fieno in cascina. Che occorreva cioè investire i profitti non nella ricchezza di famiglia ma nella capitalizzazione d’impresa. E oggi queste tante piccole attività produttive familiari sono in un impasse. Non hanno il capitale necessario per investire in innovazione, perché non l’hanno messo da parte; e le banche, salvo le banche popolari e cooperative, hanno chiuso i rubinetti del credito.

I distretti sembrano tenere, ma al tempo stesso sono in grave sofferenza. «In tutti questi casi - scrive Di Vico - quello che si va palesando è un eccesso di capacità produttiva. Per questo motivo la parola d’ordine che comincia a circolare (con fatica) è quella dell’aggregazione». È così?

CONTINUA LA LETTURA DELL'INTERVISTA CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO


COMMENTI
11/11/2009 - inverno demografico,bomba implosa,non esplosa. (attilio sangiani)

sono il sesto di tredici figli. Alcuni miei fratelli hanno continuato l'impresa paterna o ne hanno fondate altre. Io mi sono laureato in legge ed ho fatto il docente e,poi,il magistrato. Ora sono in pensione. Quidi parlo con cognizione di causa. Mi pare che si dia poca o nulla importranza all'"inverno demografico". Dove sono le famiglie i cui figli possono far tesoro della "cultura d'impresa " assimilata in famiglia; della frugalità per accumulare il rispsrmio necessario per la innovazione e l'aggiornamento produttivo ? Oggi non ci sono più figli ! Nessuno,uno o due al massimo,che prendono altre strade più comode. Perchè non denunciare la cultura neo-maltusiana,inoculata a piene mani da cattivi maestri,ben forniti di capitali finanziari e di giornali,come quelli del "Club di Roma" ? Perchè non ricordare che fu Aurelio Peccei,alto dirigente Fiat,supportato da Gianni Agnelli,a fondarlo nel 1969 ed a pubblicare nel 1972 tragici proclami contro la "bomba demografica ",con la approvazione dei guru della cultura dominante ? Perchè non ricordare che,con la "apertura a sinistra" ( 1961-62 ) si sono sterilizzati gli elementi di politica per la famiglia : la edilizia popolare ( i fondi Gescal stornati al fondo pensioni); gli assegni familiari lasciati deperire con la inflazione; il fisco a misura di carichi di famiglia,affievolito con la riforma fiscale del 1972 e successivi peggioramenti ? Ha ragione Sabelli :per conoscere le p.m.i. occorre conoscere la famiglia. E sostenerla.

 
11/11/2009 - vorrei sottolineare... (Umberta Mesina)

che qui si parla di pmi E professionisti. Grazie. Era ora. Nel nostro Paese esiste, più o meno chiaramente espressa, l'equazione partita Iva = evasione fiscale. E questo è proprio un problema culturale, prima che economico o politico.

 
11/11/2009 - Commento all'intervista al Sig. Sapelli (Gianluigi Lonardi)

Detassare imprese e lavoro, abolire la spesa pubblica improduttiva e magari avere fondi per investimenti e ricerca, non si può pensare di avere tutte queste cose senza secessione, non si può finchè 4 o 5 regioni devono mantenere tutte le altre

 
11/11/2009 - Speriamo che non si tratti di parole a vuoto. (GIORGIO GAVINEL)

Questa mattina ho ascoltato Corradino Mineo su Rainews24 con ospiti Guidalberto Guidi e Nicola Rossi. Entrambi hanno sottoscritto quanto affermato da Ferruccio De Bortoli rimarcando le grandi difficoltà nel quale si trovano le Pmi. E' risaputo che nel nostro paese gli investimenti in sviluppo ed innovazione sono spesso ridotti ma purtroppo senza innovazione non ci possono essere possibilità di crescita. Mi ha colpito in particolare un'affernazione del Senatore Pd Nicola Rossi il quale ha ammesso lapidariamente: "La Sinistra non conosce nè capisce le Pmi quindi non ha fatto nulla (quando era al governo), la Destra conosce e capisce le Pmi ma non ha fatto niente comunque." Mi piacerebbe che personaggi di tale spessore avessero maggior rilievo politico. Spero non sia una pia illusione.