BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MATCHING/ Fortis: la nostra bolla? Siamo “troppo” competitivi

La crisi mondiale ha fatto scendere drammaticamente i fatturati e l’export ma il morale degli imprenditori non deve scendere sotto i tacchi. Marco Fortis, economista, spiega perché le nostre imprese possono reagire. Guarda il video dell'assemblea nazionale della Cdo

porto_caricoR375.jpg (Foto)

La crisi dell’economia mondiale ha fatto scendere drammaticamente i fatturati e l’export ma il morale degli imprenditori del “made in Italy” non deve scendere sotto i tacchi. Infatti, l’industria italiana possiede le capacità per reagire.

Affermare ciò non significa sottovalutare le difficoltà a cui anche l’Italia dovrà far fronte a causa dei tempi lunghi della ripresa mondiale e del suo debole profilo. Tali difficoltà possono essere individuate soprattutto nel rischio di mortalità di un elevato numero di piccole e medie imprese, strette tra il calo degli ordini e il credit crunch, specialmente nell’indotto, nonché nell’aumento del numero di disoccupati (sia pure in misura inferiore agli altri Paesi), specialmente nell’ambito dei lavoratori cosiddetti “precari”.

Tuttavia, pur tenendo conto di questi elementi negativi, i tempi di recupero dei nostri settori più colpiti, come la produzione industriale e l’export, non andrebbero drammatizzati in misura eccessiva. Infatti, è indubbio che nel 2008-2009 i cali dei livelli di attività siano stati molto forti ma essi andrebbero rapportati ai tassi di crescita assolutamente eccezionali, e probabilmente irripetibili (almeno nell’immediato), che hanno caratterizzato il quinquennio precedente ed in modo particolare il biennio 2006-2007.

Un’attenta e razionale lettura degli eventi ci porta ad affermare che proprio nel 2006-2007, in concomitanza con i massimi livelli della “bolla” immobiliare e finanziaria dei Paesi anglosassoni e della Spagna e della “bolla” dei prezzi energetici di cui hanno beneficiato la Russia e i Paesi Arabi, anche l’Italia ha vissuto una sua particolare “bolla”: quella delle esportazioni, in ciò somigliando molto alla Germania. Infatti, nel biennio 2006-2007 il nostro export è cresciuto in euro del 19,6%, mentre quello tedesco del 23,5%, contro una media degli altri 5 Paesi del G7 solo dell’8,6%. Si è trattato, beninteso, di una “bolla” senza colpe perché basata sulla competitività e non sull’indebitamento, sull’internazionalizzazione delle attività e dei prodotti anziché su quella dei famigerati sub-prime e dei derivati. Le nostre imprese, oggi sotto shock per il crollo del commercio mondiale avvenuto tra la fine del 2008 e il primo semestre del 2009, in precedenza stavano conquistando la Russia, invadendo la Spagna, difendendo bene le loro quote di mercato negli Stati Uniti, penetrando in India e in Brasile. Ma, se per ipotesi le esportazioni italiane nel biennio 2006-2007 si fossero “accontentate” di aumentare come quelle del G5, esse sarebbero arrivate a toccare nel 2007 il livello di soli 326 miliardi di euro anziché di 359 miliardi come è avvenuto realmente, cioè avremmo esportato 33 miliardi in meno. Ritornare in tempi rapidi ai livelli di export del 2007, quindi, non sarà facile perché tali livelli erano anch’essi “drogati” dalla febbre dei consumi e degli investimenti dei nostri Paesi clienti.

Questa consapevolezza, tuttavia, non ci deve far perdere di vista i punti di forza strutturali del made in Italy, che molti anche nel recente passato davano in declino irreversibile, mentre le nostre imprese si stavano invece rafforzando sul piano della qualità dei prodotti, dell’innovazione e dell’internazionalizzazione.

 

GUARDA IL VIDEO DELL'ASSEMBLEA NAZIONALE DELLA CDO 

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA IL SIMBOLO >> QUI SOTTO