BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CRISI/ La storia di Elismar, quando la persona fa la differenza

La Campagna Tende di AVSI  “la persona fa la differenza” sostiene quest'anno progetti in Asia, Africa, America Latina e Terra Santa. Come spiega GIUSEPPE FOLLONI, lo sviluppo c’è quando “accade” qualcosa che mette in moto le persone, così da generare una prospettiva di vita. All'interno l'originalità di un metodo

FavelaBrasiliana.jpg(Foto)

La campagna tende di AVSI dice nel titolo che “la persona fa la differenza”. In che senso? Nel senso che lo sviluppo c’è quando “accade” qualcosa che mette in moto le persone, così da generare una prospettiva di vita, una dinamica di cambiamento.
La campagna tende 2009 sostiene, come ogni anno, progetti specifici. Quest’anno questi riguardano la cooperativa agricola “The Rice Bank” in Birmania, la scuola secondaria di Kireka, a Kampala (Uganda), il Centro per mamme e bambini a Oaxaca (Messico), il sostegno a distanza per i bambini delle scuole francescane in Terrasanta.

Il filo rosso che unisce questi progetti e quelli sostenuti negli anni scorsi, il filo rosso dei progetti AVSI, sta nell’obiettivo precedentemente indicato: attraverso la risposta a un bisogno (l’oggetto del progetto), incontrare persone, accompagnandole in un processo educativo, in un dialogo che fa passare da un’iniziale diffidenza alla fiducia, che fa prendere coscienza delle proprie possibilità, che mette “in movimento”.

Questo significa riconoscere che in ogni progetto, in ogni attività di cooperazione, c’è un’azione che viene prima: lo “stare con”, il generarsi di un soggetto.
Ogni progetto ha come contenuto-base, potremmo dire, un esserci, una presenza. Vorrei sottolineare due elementi interessanti di questa impostazione metodologica.

Il primo è che in ogni progetto c’è “un lavoro dentro il lavoro”: si risponde al bisogno, si costruisce la scuola, o la mensa, ma simultaneamente ci si educa, si costruisce un soggetto, la gente diviene protagonista del proprio cammino. È qualcosa di simile a quello che notava Mounier: che lavorare è fare uomini mentre si fanno cose. Continua nella pagina seguente...