BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUDO FISCALE/ Per lo scudo fiscale fissate nuove scadenze

Pubblicazione:mercoledì 2 dicembre 2009

soldimondoR375_08set08.jpg (Foto)

SCUDO FISCALE - Novità per lo scudo fiscale arrivano dall’Agenzia delle entrate. Con nuove istruzioni pubblicate lunedì, infatti, è stato prorogato al 31 dicembre 2010 il termine per le operazioni di emersione relative allo scudo fiscale per quei contribuenti che non potranno perfezionare le operazioni di rimpatrio o regolarizzazione entro il 15 dicembre 2009, per cause oggettive esterne, hanno tempo fino al 31 dicembre 2010 per terminare l’iter.

È confermato che l’imposta straordinaria del 5% relativa allo scudo fiscale deve essere comunque pagata entro il 15 dicembre 2009 e che lo scudo fiscale produce effetti fin dalla data di pagamento dell’imposta.

Ma sempre il 30 novembre, con un provvedimento firmato oggi dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, è stato fissato al 18 dicembre il termine ultimo per il versamento da parte degli intermediari

dell’imposta straordinaria sulle operazioni di rimpatrio o regolarizzazione di attività finanziarie e patrimoniali detenute all’estero (leggi: scudo fiscale), effettuate tra il 1° e il 15 dicembre.

Ma quali possono essere queste “cause oggettive non dipendenti dalla sua volontà” che consentono al contribuente (tenuto comunque, entro il 15 dicembre 2009, a versare l’imposta straordinaria e ad avviare le procedure necessarie a consentire l’effettivo rimpatrio e/o la regolarizzazione delle attività detenute all’estero) di completare l’iter entro il “termine lungo”?

L’agenzia delle Entrate, con la circolare n. 49/E, aveva fatto riferimento, in via del tutto esemplificativa, alla seguente casistica (già rinvenibile in un altro documento di prassi, la circolare n. 24/2002).

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >