BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

GENERAL MOTORS/ Quale futuro dopo il licenziamento di Wagoner?

L'amministratore delegato di General Motors, Rick Wagoner, lascia il timone della società su richiesta della Casa Bianca

GMR375_05mar09.jpg(Foto)

L'amministratore delegato di General Motors, Rick Wagoner, lascia il timone della società su richiesta della Casa Bianca: come precondizione per la concessione di nuovi aiuti in favore del colosso di Detroit, l'amministrazione Obama ha chiesto e ottenuto la testa di Wagoner, che dice addio dopo otto anni come amministratore delegato e un'intera carriera (dal 1977, anno in cui è uscito dalla Harvard Business School) spesa in Gm. L'annuncio ufficiale dell'addio dovrebbe arrivare oggi dopo che l'amministrazione avrà alzato il velo sul piano di salvataggio di Detroit, che dovrebbe prevedere la concessione di nuovi aiuti ma in cambio di più drastiche misure di ristrutturazione: «Per uscire dalla tempesta occorrono i sacrifici di tutti, manager, fornitori, dipendenti, azionisti. Ma i costruttori non hanno ancora fatto abbastanza». In cambio degli aiuti Gm e Chrysler devono compiere «serie ristrutturazioni. Quello che vogliamo far capire è che vogliamo un'industria automobilistica di successo. Ma deve essere realisticamente disegnata per affrontare la tempesta in atto e uscirne più competitiva di quanto non lo sia ora».

L'uscita di Wagoner non viene confermata da Gm ma un rappresentante della Casa Bianca afferma, a condizione dell'anonimato, che l'amministrazione ha chiesto la testa di Wagoner e che l'amministratore delegato ha accettato di dimettersi per spianare la strada alla concessione di nuovi aiuti. Costringendo Wagoner a dire addio a Gm, il governo americano compie uno degli interventi più pesanti nel settore privato da quando è scoppiata la crisi economica. A Wagoner sarebbe stata comunicata la necessità di una sua uscita venerdì scorso dal top advisor della task force designata per la ristrutturazione di Detroit Steven Rattner.

Obama svelerà oggi il piano per il salvataggio e la ristrutturazione dell'industria automobilistica che, così com'é, non è «più sostenibile». La task force dovrebbe raccomandare la concessione di nuovi aiuti a breve termine per Gm e Chrysler, imponendo però condizioni stringenti per ottenere concessioni da sindacati e titolari di bond e fissando nel 30 aprile la nuova scadenza per il raggiungimento di questi accordi. Un'ipotesi bancarotta non sarebbe esclusa come ultima spiaggia oppure la nomina di un chief restructuring officer: agitare lo spettro di un possibile fallimento potrebbe consentire - valutano gli analisti - alle due case automobilistiche di spuntare migliori concessioni.

Nell'ambito del progetto che illustrerà Obama - secondo quanto riportato dalla stampa americana - Gm e Chrysler dovrebbero essere trattate diversamente. La task force vedrebbe positivamente la proposta alleanza fra Chrysler e Fiat e, proprio per questo, «é improbabile - sostiene il Wall Street Journal - che prema per l'uscita dell'amministratore delegato Robert Nardelli».

Il piano Gm, invece, verrebbe reputato non adeguato. Al momento non è ancora chiaro chi sostituirà Wagoner, il cui addio dovrebbe essere immediato. Un annuncio ufficiale è atteso dopo che Obama avrà svelato i suoi progetti. Al momento il chief financial officer Fritz Henderson sembrerebbe - riporta il Financial Times - il candidato più papabile. Ma vista la forte esposizione economica del governo nei confronti di Gm non é escluso che l'amministrazione possa scegliere una persona esterna, come fatto per Aig.

Wagoner è stato nominato amministratore delegato di Gm nel giugno del 2000: da allora il titolo ha perso circa il 98% del suo valore passando da circa 60 dollari a poco più di 1,2 dollari. Solo negli ultimi quattro anni Gm ha accumulato perdite per 82 miliardi di dollari e all'inizio di quest'anno ha perso il titolo di prima casa automobilistica al mondo per vendite, superata da Toyota.

© Riproduzione Riservata.