BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J’ACCUSE/ Marco Vitale: i nuovi nemici della famiglia? I fanatici del Pil

operaia_lavoroR375_15nov08.jpg (Foto)

Con questa impostazione ogni cosa viene rovesciata. L’università italiana è scadente e ci sono troppe università mediocri sotto casa? La responsabilità non è dei ministri e dei professori, ma della famiglia che, preda del familismo, vuole l’università sotto casa.


Gli ammortizzatori sociali per la perdita del posto di lavoro sono insufficienti? La colpa non è dell’ordinamento sociale ma della famiglia che, essendo familista, continua a dar da mangiare ai suoi membri disoccupati, anziché lasciarli morire sulla strada.


Gli anziani restano in casa e vengono accuditi dai figli e soprattutto dalle figlie, invece che essere inviati in una casa di riposo? Il problema non è che mancano strutture adeguate a costi sostenibili ma della famiglia che, preda del più insaziabile familismo amorale, non vuole mollare i vecchi, continua a volere loro bene anche se sono malandati, continua a curarli con l’affetto della riconoscenza, anche se non sono autosufficienti.


Questa famiglia italiana è veramente incurabile, sentimentale e piagnona. Vada un po’ a New York ad imparare come si fa! I giovani stentano ad entrare nel mondo del lavoro e il dio mercato ha trasformato la necessaria flessibilità del lavoro nel più spregiudicato, sfruttatore, irresponsabile sistema di precariato del mondo avanzato? La colpa non è delle imprese e di un sistema economico animato da schiavisti, ma della famiglia che, familisticamente amorale, non butta fuori i bamboccioni precari.


La giustizia non funziona? La responsabilità non è di chi misamministra questa essenziale funzione, ma della famiglia italiana che, nel suo spasmodico familismo amorale, animato da diffidenza verso tutti gli esterni alla famiglia, sovraccarica la giustizia di cause in gran parte inutili. E così via.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
29/01/2010 - il mondofuturo di Iachino e Alesina (arnando ermini)

Gli autori, forse, non se ne rendono conto, ma il mondo futuro costruito sui fondamenti che enunciano nel libro, sarà un mondo di individui soli. Soli ed anche, alla lunga, più infelici di ora. E dire che appartengono allo schieramento politico che, a chiacchere un giorno si e l'altro anche, fa delle parole solidarietà, interesse collettivo, etc. etc., una bandiera da esibire. La verità, parafrasando Winston Churchill, è semplice: la famiglia è il peggior modo di vivere la vita, tranne tutti gli altri.

 
29/01/2010 - Considerazioni di un lettore (Vulzio Abramo Prati)

Sono un fedele lettore de "il sussidiario" e condivido la gran parte delle idee che vi vengono espresse, quello che non riesco a capire è la critica così frequente agli scritti dei Proff. Alesina, Giavazzi e Ichino, tra l'altro economisti tra i più quotati a livello mondiale. Si può non essere d'accordo con loro, e anch'io ho spesso dei dubbi, ma non penso rappresentino il male assoluto! Credo invece che una loro critica allo statalismo in campi quali scuola, sanità ecc... si sposi abbastanza bene con l'idea della sussidiarietà. Si può rispondere alle loro teorie economiche semplicemente confutandole o come direbbe Popper "falsificandole" e basta. Per quanto riguarda poi il peso della famiglia in Italia le statistiche dicono che per entrare in "certi circoli" è più importante la professione paterna che le attitudini dell'individuo. C'è libertà solo potendo scegliere, se la famiglia deve svolgere un ruolo solo perchè le istituzioni non permettono la scelta nell'educazione, aiuto agli anziani, lavoro femminile ecc... non c'è libertà! La vera colpa degli italiani è quella di adattarsi o peggio rassegnarsi a una situazione di servizi scadenti o assenti senza chiedere conto di questo a chi di dovere, e il quoziente famigliare dimenticato ne è un esempio! In Italia la famiglia è l'unico supporto sociale disponibile, ad es. quale banca dà a uno studente brillante e senza mezzi un "prestito d'onore" per poter studiare come avviene negli USA! Forse è questo che va criticato di più!