BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

UNICREDIT/ Dopo Ghizzoni, Tremonti è pronto a trattare con Rampl?

unicredit_insegnaR400_4ott10.jpg (Foto)

E il primo messaggio è già arrivato fortissimo e chiarissimo. Il cda della banca, rispondendo ai quesiti della Banca d’Italia sulle partecipazioni delle due istituzioni libiche, ha scritto che «allo stato non sono pervenute, né paiono altrimenti disponibili, informazioni che consentano di considerare, con la dovuta certezza, le due partecipazioni come autonome in relazione alle applicabili previsioni statutarie».

 

Tradotto: occorre bloccare il diritto di voto delle due istituzioni libiche dal 7,5%, se fossero considerate due entità autonome, al 5% come impone lo statuto. Così è più chiaro chi comandi, davvero, in Unicredit.

 

http://www.marcocobianchi.wordpress.com

© Riproduzione Riservata.