BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 2. Il ritorno dei titoli tossici spaventa le banche

Trader_Borsa_UsaR400.jpg(Foto)

Per Matthew O’Connor di Deutsche Bank, la realtà che ci troviamo ad affrontare è pericolosa ma anche con un margine di salvataggio possibile: «C’è un sacco di incertezza attorno all’eventuale costo di un’operazione di acquisto di mutui, la cattiva notizia è che non si saprà la sua reale entità per parecchio tempo. Quella buona è che questo lasso temporale permetterà alle banche di assorbire le perdite». Insomma, sonni agitati per Bank of America, JP Morgan, Wells Fargo e Citigroup che, da sole, controllano il 55% di questo mercato.

 

Non è un caso che, dopo aver imposto la scorsa settimana il blocco alle ripossessioni ipotecarie in tutto il paese, iBank of America abbia parzialmente allentato questa moratoria autoimposta, permettendo le prime operazioni nei 23 Stati dove è richiesto il parere di un giudice per approvare un pignoramento e lasciando interamente attivo il veto negli altri 27 Stati. Insomma, la vendetta dei subprime potrebbe davvero essere alle porte. E questa non è affatto una buona notizia.

© Riproduzione Riservata.