BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 1. Vittadini: il Papa punta su persona e sussidiarietà

papa-benedetto-xvi-r400.jpg(Foto)


In che termini si può penare a un’autorità globale, a partire dalle Nazioni Unite, che eserciti credibilmente una funzione di “governance” globale?

L’errore delle Nazioni Unite di oggi è quello di considerare come una ciliegina sulla torta le ong, le realtà sociali e religiose, il volontariato. E così abbiamo questa politica molto simile a quella dell’ ‘800 in cui erano solo gli Stati a confrontarsi. Il caso più clamoroso è quello del Medio Oriente, la pretesa di Bush di riportare la pace senza tener conto che c’era una soggetto religioso molto presente; si è arrivati alla distruzione di quel soggetto religioso. Si guarda Saddam e non si guarda la Chiesa che era presente in Medio Oriente, ora non c’è più un soggetto che porta la pace. Questo è l’errore che si compie considerando lo sviluppo solo a livello di governi; tutti gli altri soggetti sociali e morali quando vengono fuori, come è avvenuto adesso con Aung San Su Ki, non sono  considerati interlocutori delle Nazioni Unite, perché si pensa che si tratti di una perdita di tempo.

Resta il tema delle ingiustizie: Qual è il contributo del pensiero cattolico su questo fronte?


Il pensiero cattolico vuol dire innanzitutto un’idea di uomo, ed è quello che il magistero ha fatto in questi trent’anni. All’inizio della “Redemptor hominis” si dice ogni uomo è unico e irripetibile. L’idea che l’uomo sia il cuore fa si che il cattolicesimo dialoghi con tutti i movimenti religiosi o di altro tipo, per esempio con i monaci birmani, con  l’eredità del gandismo, con i movimenti dei diritti civili in America. Questi movimenti dicono che il re è nudo, dicono che se per estrarre il petrolio bisogna inquinare il Golfo del Messico non va bene. Non mi puoi far star zitto perché aumenti il pil del 10% se questo vuol dire che alcuni si arricchiscono di più e altri no. Io ti dirò che sono contento che c’è uno sviluppo di questo tipo, ma devi dividerlo con le altre persone. La persona è l’unico metro per rendersi conto dei problemi: dell’acqua, delle ingiustizie, della povertà. Don Giussani ci diceva: Una persona è più importante di tutto l’universo.
 
C’è poi, nelle parole del Papa, un riferimento all’agricoltura. Cosa significa parlare di produzioni agricole nei Paesi sviluppati?

Il problema più grosso è la politica sostanzialmente protezionista dell’Europa in campo agricolo, il che vuol dire impedire la nascita di un mercato senza protezionismi. Che i Paesi sviluppati sostengano la propria agricoltura morente senza occuparsi di uno sviluppo dell’agricoltura mondiale, è sentito dai Paesi non sviluppati come un vero e proprio attentato. In questo senso l’Europa sta perdendo molta credibilità, perché questo significa sovrapproduzione da una parte e povertà dall’altra. L’idea resta quella di dire no a un capitalismo distruttivo, sì a un capitalismo partecipato.



Testo uscito anche su Il Riformista di oggi

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/11/2010 - Umiltà del manager al servizio dei dipendenti (ANDREA TESSADRI)

Caro Vittadini, da quasi un anno lavoro in Francia per una grande società nel settore IT e sono sbalordito da come in questo Paese, che si dice anti-cattolico, i valori del cristianesimo siano così radicati, anche nella cultura di impresa. Mettere al centro la persona significa, per il manager, mettersi al servizio dei suoi sottoposti, lavorare per loro e con loro, alla guisa del direttore d'orchestra che non suona, ma crea armonia. Per arrivare a questo il manager lavora duramente, ma sempre con l'umiltà di sapere che non è lui a realizzare i progetti, ma è il gruppo, di cui va fiero, a ottenere i successi. Combattere l'egoismo in Italia, significa insegnare l'umiltà, la pazienza, il rispetto, la cooperazione, il piacere di condividere insieme la conquista di un risultato. Questi sono valori che nel nostro Paese non esistono e la radice è molto antica, dalla cultura feudale prima, alla dedizione ad uno stato padrone poi e da un cittadino che si sente tradito quando osserva la corruzione dilagante. Ma è proprio la famiglia l'unico luogo dove questi valori possono e devono essere infusi. Non è con un libro che lo si ottiene, né con un corso, ma solo lo Spirito può guidare alla Verità. Diamo voce e forza ai nostri pastori per mandarli a recuperare tante pecorelle smarrite adulte che hanno tanto bisogno di ascolto, guida e speranza! Cordialmente Andrea Tessadri