BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NUCLEARE/ Vi ricordate Scajola? Sei mesi buttati e ora l’atomo è a rischio...

Pubblicazione:

Nucleare_CentraleR400.jpg

C’è infine un altro aspetto da non trascurare. Poiché il tema dell’energia ha ormai confini continentali, l’Italia riprenda a svolgere anche un ruolo in Europa: purtroppo l’attuale Commissario per l’Energia Oettinger appare preda dei potenti Verdi della sua Germania ed evita di prendere un minimo di posizione. Noi non abbiamo impianti a carbone e nucleari come la Germania, quindi non possiamo prenderci il lusso di posizioni esclusivamente tattiche e ideologiche.

 

In fondo le centrali elettriche non sono il nemico peggiore. Una recente “Snapshot” pubblicata da Usa Today ha infatti indicato quali sono i progetti più impopolari per infrastrutture nelle vicinanze degli abitati: si tratta delle discariche che sono le meno gradite insieme ai casinò (oltre 75% di contrari). Seguono i grandi magazzini di Wall Mart e gli outlet (poco graditi dal 60%), mentre gli impianti di produzione elettrica si attestano come gradimento attorno al 50%.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/11/2010 - ITALA STIRPE (celestino ferraro)

Due considerazioni a caldo. La prima riguarda il significativo regresso della disponibilità pubblica in favore del nucleare: due anni fa, quando in Italia si riprese a parlarne, le persone a favore erano più del 55%, ora sembrano scese (secondo Harris) al 40%. La seconda annotazione è la sorprendente conclusione che i nostri concittadini sono disposti ad accettare aumenti anche superiori al 30% pur di avere energia “pulita” (in altri paesi le percentuali sono molto inferiori). Come sempre, i dati che emergono da queste rilevazioni andrebbero ulteriormente approfonditi, però qualche riflessione la classe politica italiana che si occupa di economia dell’energia dovrebbe trattenerla. Di che meravigliarci? Aumenti anche del 30% pur di avere energia pulita? E' la generosità dei pidocchiosi, meno hanno e più vogliono spendere: itala stirpe.